Bande giovanili, una riflessione sugli arresti di Milano!


(riceviamo e pubblichiamo)

“Ancora una volta è la cronaca giudiziaria a dettare i temi e le priorità su cui ragionare quando si parla di bande giovanili. I giornali sono pieni dei dettagli degli ultimi arresti: 23 ragazzi e 2 ragazze tra i 16 e i 25 anni sono stati arrestati dalla Questura di Milano per reati vari, tra cui tentati omicidi e rapine.
25 giovani tenuti insieme da due caratteristiche: la prima è che sono latinoamericani, la seconda è che appartengono a gruppi di strada.

Certo, i fatti contestati sono reali. Ci sono stati ferimenti, reciproche aggressioni, furti di telefonini a danno di altri ragazzi. Non sono i fatti a dovere essere messi in discussione, ma la loro interpretazione.

Leggiamo un po’ di titoli dei giornali on-line: “Milano, guerra tra baby-gang a colpi di machete”- Il Giornale; “Maxiblitz contro le gang di latinos 25 arresti per risse e tentati omicidi” – La Repubblica; “Milano, sgominata baby gang sudamericani: 25 arresti” – Libero; “Guerra tra latinos con la mannaia, 25 arresti” – Il Corriere.

Quanto deve essere pericoloso e criminale questo mondo giovanile in cui ci si fa la guerra a colpi di mannaia?!

Senza dubbio è un mondo giovanile violento, come lo sono stati in passato altri mondi giovanili. Ma non c’è bisogno di evocare il  controllo del territorio o la difesa della propria fetta di economia criminale per comprendere quello che sta capitando a Milano.

Non c’è poesia e non c’è fascino in questo mondo giovanile. Potrebbe essere diverso da così?

Prendi dei giovani, strappali dai luoghi della loro infanzia e della loro adolescenza, buttali in una società in cui il meglio che possono sperare per sé è fare gli stessi lavori di merda dei propri genitori, fa sentire loro addosso il disprezzo con cui la nostra società tratta lo straniero. C’è da stupirsi che provino rabbia e rancore?

C’è da stupirsi che, impossibilitati a sentirsi parte di una società più ampia, vivano all’interno di un proprio microcosmo? La nostra società è talmente lontana per loro che non riescono neanche ad aggredirla, riescono solo ad aggredirsi reciprocamente. Un’aggressione allo specchio, una forma di r/esistenza per chi è escluso e dominato.

In questi giorni troverete in giro un sacco di video che la Questura ha messo a disposizione dei giornali. In molti sono riportati episodi violenti ripresi dalle telecamere della metropolitana. Guardateli bene. In alcuni troverete ragazzi che si aggrediscono e che cercano di colpirsi. Allargate lo sguardo, però. Vedrete adulti che salgono e scendono dai vagoni della metropolitana, cercano un posto dove sedersi, parlano al telefono, chiacchierano tra loro. Nessuno interviene. Nessuno fa nulla o dice nulla.

Allora, ecco un’altra interpretazione: a volte, l’unico modo per rompere l’indifferenza è fare paura.“

Di Franz_MiM, Pubblicato il 8 febbraio 2012 alle 16:42

Commenti

  1. mr panettabassa scrive:

    bello

alan transfer Esenboğa transfer Ankara transfer hizmetleri ankara havaalani transfer Airport transfer ankara havaalani transfer Ankara havaalanı transfer esenboğa transfer Ankara transfer hizmetleri alan transfer ankara havaalani transfer ankara havaalani transfer ankara havaalani transfer