La paura come arma: la strategia di tensione e i nuovi fascismi


Quando:
11 dicembre 2017@16:00
2017-12-11T16:00:00+01:00
2017-12-11T16:15:00+01:00
Dove:
Università Statale
Via Festa Del Perdono 7

“La paura come arma. Dalla strategia della tensione ai nuovi fascismi” è un’iniziativa che si inserisce nel percorso della rete Milano antifascista verso il 58° anniversario della strage di Piazza Fontana.

A partire da una panoramica sulla strategia della tensione – attraverso la quale, negli anni Settanta ed Ottanta del Novecento, i fascismi hanno tentato di sovvertire le istituzioni democratiche e di arginare i movimenti sociali per conto di poteri forti come la Democrazia Cristiana – proveremo a tracciare un quadro dei fascismi di oggi. Ci soffermeremo non solo sui nuovi metodi e sui nuovi obiettivi dell’estrema destra italiana ed europea, ma anche su un’analisi dell’ideologia dell’ISIS, che sotto molti aspetti è assimilabile a quella dei fascismi occidentali. Il filo conduttore del nostro discorso sarà la paura ed il suo uso per scopi politici che accomuna, seppur in modi diversi, il fascismo stragista degli anni Settanta, il cosiddetto neofascismo, e l’islamofascismo dello Stato Islamico.

Ne parliamo con:

Laboratorio Lapsus: “Dalla strategia della tensione alla strategia della confusione”

Barbara De Poli, Università “Ca’ Foscari” di Venezia: “Jihadismo e totalitarismi: ideologie a confronto”

Conclusioni con Claudia Pinelli

Pubblicato da Matteo, il 5 dicembre 2017 alle 12:09

Speak Your Mind

*