Über Brecht – Workshop teatrale con Phoebe Zeitgeist

Quando:
13 gennaio 2018–14 gennaio 2018 giorno intero
2018-01-13T00:00:00+01:00
2018-01-15T00:00:00+01:00
Dove:
LUMe
Viale Vittorio Veneto 24

ÜBER BRECHT

Workshop Teatrale condotto da Giuseppe Isgrò, Francesca Marianna Consonni ed Elia Moretti.

Il workshop, condotto dal regista, dalla dramaturg e dal musicista del gruppo Phoebe Zeitgeist, si colloca all’interno del processo di ricerca “Cantieri Bavaresi” dalla quale è nato lo spettacolo BAAL dal primo lavoro di Bertolt Brecht. La compagnia Phoebe Zeitgeist da circa tre anni indaga tra le poetiche giovanili del grande autore tedesco, ragionando sui temi quali l’esercizio del potere, le gerarchie umane e sociali, l’eros e il desiderio. Ci si propone in questo workshop di attraversare le situazioni e i temi di queste potentissime drammaturgie, offrendo ai partecipanti l’occasione di sperimentare un’analisi sia teorica che pratica di questi testi. E’ intento del workshop anche quello di rintracciare i nodi che rendono queste opere e queste visioni ancora vivide e fertili nel nostro presente. Un focus particolare sarà dedicato alla responsabilità di essere artisti, attraverso l’analisi della figura di Baal, furia antiborghese che sovverte le regole istituite fino a farsi, senza alcun risparmio, assassino e cadavere, nonchè artista fuori da ogni spirito di convenienza e mediazione.

Si proporrà un lavoro serrato sul ritmo, su situazioni e relazioni, e soprattutto sulla parola. In particolare il laboratorio, sia nella dimensione teorica che quella pratica, è concentrato sul linguaggio, includendo nella ricerca la lingua poetica ed evocativa del testo originale di Brecht, quanto la forza creativa della lingua parlata assieme allo slang e ai residui della nostra memoria dialettale. Il laboratorio è infatti orientato portare il linguaggio fuori da un discorso univoco e rassicurante di narrazione e naturalità, per esplorare un luogo ritenuto più capace di verità e di senso, quello dello straniamento e dell’alterazione in cui ognuno deve condursi in autonomia, armato solo di sé, ridiscutendo di continuo la propria posizione e i propri valori. La ricerca sviluppata con il gruppo dei partecipanti ribadirà in ogni sua parte l’esercizio di questo straniamento.
La durata prevista del laboratorio è di 10 ore.
Gli incontri si suddivideranno in diverse fasi e tipologie di lavoro:
. lavoro fisico vocale (training)
. lavoro sul testo (analisi, traduzione)
. improvvisazione (circonferenza situazionale, lavoro sui climi, le atmosfere, le relazioni)
. lavoro sulla parola (ritmo, qualità, suono, plasticità e senso)
. lavoro sulla relazione e sulla coralità
. lavoro sul personaggio (ricerca del proprio “mostro” e composizione fisico vocale)

Il laboratorio è aperto a: persone di entrambe i sessi (maggiori di 18 anni) che abbiano una minima base teatrale; il laboratorio è vivamente consigliato a musicisti aperti alla sperimentazione e alla ricerca sonora, data anche la presenza di Elia Moretti.

Lo spazio, in via di riqualificazione, convoglierà le energie del workshop in un’ambiente estremo funzionale alle tematiche e alle pratiche del laboratorio. Si raccomanda i partecipanti di munirsi di:
Abbigliamento nero, comodo e caldo.
Un testo a memoria dalla bibliografia di Bertolt Brecht (6-7 righe)
I musicisti devono portare il loro strumento
Consapevolezza di affrontare un spazio teatralmente atipico, umidiccio, crudo, che tuttavia (come si è detto) è funzionale al lavoro.

Il laboratorio avrà un costo di 20 € a partecipante.
Per iscriversi scrivere in privato alla pagina di LUMe (Laboratorio Universitario Metropolitano) oppure (sempre in privato) a Leonardo Piaga o Monocolo Vona.
Vi aspettiamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *