FridaysForFuture contro Unicredit

Stop finanziamenti al fossile!

Questa mattina Fridays For Future Milano ha effettuato una visita presso la sede di Unicredit di Milano in piazza Missori per contestare i finanziamenti che il colosso bancario attua nell’energia fossile. Dopo l’occupazione di maggio della sede Enel di via Carducci è la seconda azione in città per richiedere la giustizia ambientale. Anche in vista del terzo sciopero ambientale del 27 settembre.

Questo il comunicato di FFF:

STOP Finanziamenti al FOSSILE.

#Unicredit ha investito in combustibili fossili 17 miliardi di euro negli ultimi tre anni: 6,4 nel 2016, 6,6 nel 2017 e quasi 4 miliardi nel 2018, e questo nonostante gli accordi di Parigi.

Noi ragazzi e ragazze di #FridaysForFuture oggi abbiamo manifestato in venti città d’Italia davanti alle filiali della banca per dire che non possiamo più accettare condotte come questa, che sono il simbolo più evidente di un sistema economico fallimentare.

Noi pretendiamo quindi che tutte le grandi istituzioni finanziarie smettano immediatamente di investire nel settore dei combustibili fossili, e che facciano la loro parte nella transizione verso una società sostenibile sia dal punto di vista ambientale che da quello sociale.

#STOPFossilFuels
#EmergenzaClimatica

FFF vs. UNICREDITQuesta mattina Fridays For Future Milano si è presentato davanti alla sede di Unicredit a Milano per sottolineare come il colosso bancario continui a finanziare massicciamente il settore energetico fossile. Se è vero che una parte "intelligente" del capitalismo e della finanza internazionale sta effettuando un'operazione di greenwashing mostrandosi ecocompatibile e interessato alle tematiche ambientali è altrettanto vero che i finanziamenti ai grandi colossi inquinanti continuano.Dopo l'occupazione della sede Enel di maggio una nuova azione dunque con, come obiettivo, la giustizia climatica.Il tutto in vista del 3º Sciopero Globale per il Clima del 27 settembre.#STOPFossilFuels#EmergenzaClimatica

Gepostet von Milano InMovimento am Freitag, 19. Juli 2019

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *