Caro Giuliano ti scrivo…una riflessione di Massimo Roccaforte!

525331_10151552897069313_1571065213_sPubblichiamo questo testo – tratto dalla rete – di Massimo Roccaforte, promotore della casa editrice Nda e del circuito di librerie Interno 4.

Lo riteniamo, al di là delle sfumature esistenti anche all’interno della redazione di Milano in movimento sull’esperienza elettorale di Giuliano Pisapia, una testimonianza significativa di come, nella città di Milano, sempre più persone anche molto diverse tra loro vivano e percepiscano il governo di questa città.  

la redazione di milano in movimento

 

Caro Giuliano,
questa mattina mi è capitato tra le mani un tuo libro di due anni fa. A pagina 64 si parla della libreria del mondo offeso come un luogo da sogno, a pagina 67 del circolo arci bitte come uno dei luoghi importanti per ridare vita alla città. Bene.
La libreria del mondo offeso (non unica) quest’anno ha dovuto traslocare in sede più periferica perché impossibilitata a sostenere un affitto in grado di farla rimanere in uno dei centri della città. I locali che ospitavano l’arci bitte mi risulta siano stati rasi al suolo pochi giorni fa. Da quando si e’ insediata la tua giunta, diversi spazi “occupati” (a nuova e miglior vita) sono stati sgomberati e non ultima l’importante esperienza del centro sociale zam è sotto minaccia di sgombero.
Nel mio, con la mia piccola attività di operatore editoriale indipendente, sono passato nel giro di pochi mesi dall’entusiasmo per la vittoria di un bando, dalla soddisfazione per aver contribuito ad una bella manifestazione come Book City, dall’impostare diversi e stimolanti progetti con assessori e loro collaboratori, all’azzeramento di queste esperienze con la “rimozione” di diversi assessori, dei loro collaboratori e soprattutto dei loro interessanti progetti.
Ora, io posso immaginare quanto sia difficile amministrare una città come Milano, che le responsabilità e le scelte non dipendano tutte da te, che il mio punto di vista sia parziale e la mia esperienza personale però in queste belle sere di Aprile, che Milano sembra dolce come solo a Maggio, intuisco che quel vento di cambiamento di due anni fa si sia come fermato.
Non e’ forse il caso di uscire dal palazzo e ricominciare a confrontarsi con la città, prima che sia troppo tardi?

Tag:

Una replica a “Caro Giuliano ti scrivo…una riflessione di Massimo Roccaforte!”

  1. pabloDaPietrasanta ha detto:

    Pisapia? boh dov’è? Il suo programma è scomparso,le sue promesse infrante il vento del cambiamneto purtroppo è finito lo stesso giorno della sua elezione a Sindaco di questa sfigata città!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.