Profughi rom di via Sacile: “soluzioni reali”?

Dopo gli incontri di oggi, il Comune, insieme alle associazioni di volontariato e alla Protezione civile, ha messo a disposizione le proprie strutture per dare alloggio alle 120 persone evacuate dopo l’incendio che stanotte ha bruciato le baracche del campo rom di via Sacile.
Le strutture messe a disposizione dal Comune hanno carattere temporaneo (dai 6 ai 15 giorni) e sono adatte solo per fronteggiare l’emergenza, ma consentono di non dividere i nuclei familiari e, quindi, di non separare i minori dai loro genitori.

Tra i profughi del campo cento persone si sono rifiutate di accettare le soluzioni proposte dal Comune e hanno trovato rifugio sotto una tettoia nei pressi di viale Forlanini. La polizia, già pronta per lo sgombero, ha poi sospeso l’operazione. Il gruppo di sostegno Forlanini sta provvedendo in queste ore a fornire coperte e vestiario.

In merito alla vicenda, il sindaco Pisapia ha dichiarato: “Occorre innanzitutto trovare i responsabili di questo incendio, perche’ pare sia di natura dolosa, e su questo ovviamente ho la massima fiducia nell’attivita’ della Procura”. Secondo il sindaco, pero’, e’ necessario “dall’altra parte trovare soluzioni importanti per coloro che abitavano in quel luogo e ai quali adesso dobbiamo offrire ospitalita’, ma in un percorso di inserimento”.

Nel frattempo, il campo di via Sacile, dove oggi gli abitanti del campo, scortati dalle forze dell’ordine, si sono recati per recuperare i loro averi e dove erano pronti a reinsediarsi, è stato definitivamente chiuso e presto, sull’area interessata dal cantiere della MM per l’allargamento della Paullese, partiranno i lavori.
Attualmente tutta la zona è presidiata dalla Polizia locale e dalle Forze dell’Ordine per impedire l’accesso e garantire la sicurezza e la legalità.

Mentre una risoluzione definitiva del problema stenta ad arrivare, sul fronte dello smantellamento del campo non si è perso un attimo e le poche baracche superstiti all’incendio sono state abbattute nel pomeriggio. Di seguito le foto prima e dopo l’abbattimento.

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.