Stefano Cucchi: chiesti 34 anni di reclusione per 8 carabinieri accusati dei depistaggi

La Procura di Roma ha chiesto la condanna degli 8 carabinieri imputati nel processo sui depistaggi messi in atto dopo l’omicidio del geometra romano, nell’ottobre 2009. In totale. richiesti circa 34 anni di reclusione.

Il pm Giovanni Musarò ha chiesto 7 anni per il generale Alessandro Casarsa, 5 anni e mezzo per Francesco Cavallo; cinque anni per Luciano Soligo e per Luca De Cianni, quattro anni per Tiziano Testarmata; per Francesco Di Sano tre anni e tre mesi. Tre anni di carcere per Lorenzo Sabatino e, infine, un anno e un mese per Massimiliano Labriola. Contestati i reati di falso, favoreggiamento, omessa denuncia e calunnia

Un intero Paese è stato preso in giro per anni” in una attività di depistaggio che è stata “ostinata, a tratti ossessiva”. Queste le dure parole utilizzate dal pm Musarò, nella requisitoria con cui ha chiesto condanne per un totale di 35 anni, 7 dei quali proprio a carico del generale Alessandro Casarsa, all’epoca dei fatti comandante del Gruppo Roma. I depistaggi, secondo l’impianto accusatorio, partirono  da Casarsa e a cascata furono messi in atto dagli altri secondo i vari ruoli di competenza.

Per i pm sei degli otto carabinieri imputati “avrebbero attestato il falso in una annotazione di servizio, datata 26 ottobre 2009, relativamente alle condizioni di salute di Cucchi”, arrestato dai Carabinieri della Stazione Appia e portato nelle celle di sicurezza di Tor Sapienza, tra il 15 e il 16 ottobre del 2009. Un falso, per il pm, che fu confezionato con “l’aggravante di volere procurare l’impunità dei carabinieri
della Stazione Appia responsabili di avere cagionato a Cucchi le lesioni che nei giorni successivi gli determinarono il decesso”. In una seconda nota si attestava poi falsamente che “Cucchi riferiva di essere dolorante per il freddo e la magrezza”, anziché per il pestaggio subito.

La condanna minore, un anno e un mese, riguarda infine il carabiniere Colombo Labriola, all’epoca dei fatti comandante della Stazione di Tor Sapienza. Musarò ha detto in aula che “è l’unico che ha detto tutto, che non si è sottratto alle domande, che non ha scaricato la responsabilità sugli altri: ha accusato tutti gli ufficiali”.

Il commento dell’avvocato Fabio Anselmo, legale della famiglia Cucchi.

da Radio Onda d’Urto

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.