LA QUESTURA VIETA L ‘ARRIVO DEL CORTEO DEL 9 MARZO NELLA PIAZZA PREAVVISATA

Oggi siamo stati contattati dalla Questura in merito al percorso del corteo del 9 marzo,che sarebbe dovuto partire da piazza Cairoli e terminare in piazza Duca D’aosta e per il quale precedentemente era stato depositato il preavviso . Ci è stato comunicato il divieto di accesso alla piazza conclusiva. Le motivazioni di tale restrizione sono di prevenire qualsisasi tipo di disordine pubblico dovuto alle tematiche portate in piazza. Crediamo che l’arrivo in Duca D’Aosta sia fondamentale a seguito delle discussioni politiche avvenute all’interno delle assemblee ,le quali vedevano quella piazza come luogo simbolo della convergenza delle lotte dei no tav e dei lavoratori delle ferrovie dello stato . L ‘obbietto di della giornata era di attraversare quella specifica piazza per portare solidarietà ai lavoratori che da mesi lottano per i propri diritti e in continuità alle tematiche che riempiranno il corteo di Roma in quella stessa giornata. Inoltre contestiamo la gestione pubblico privata delle ferrovie dello stato e trenitalia , che privilegiano in gran lunga gli investimenti nelle tratte redditizie ,ovvero l’alta velocità,negando il diritto alla mobilità accessibile a tutti .(treni regionali per i pendolari ,taglio treni notte etc).Rivendichiamo quindi che la rete ferroviaria e i treni siano considerati come bene comune . per questi motivi non accettiamo nessun tipo di restrizione da parte delle forze dell’ordine . Invitiamo tutte e tutti a questa giornata di lotta . H.9.30 LARG. CAIROLI SPEZZONE NOTAV PER I BENI COMUNI.

RETE STUDENTI MILANO

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.