9 Ottobre corteo studentesco, la Buona Scuola siamo noi!

12067180_10206872988817087_362619170_nIeri una sessantina di studenti della Rete Studenti Milano e del CASC Lambrate sono andati in piazza Duomo per lanciare il primo corteo studentesco dell’anno che si terrà il 9 Ottobre contro la legge 107 il modello della scuola-azienda.

—–

Comunicato di lancio del corteo studentesco del 9 Ottobre:
9 OTTOBRE CORTEO STUDENTESCO
LA BUONA SCUOLA SIAMO NOI

Gli studenti tornano sui banchi, i professori alle cattedre, gli universitari agli atenei. Quest’anno però i protagonisti del mondo della formazione sono stati accolti con una triste novità: il 9 Luglio 2015, infatti , il DDL “La Buona scuola” è stato approvato. In seguito alle numerose contestazioni avute luogo in tutta Italia durante l’anno passato, Renzi e i suoi scagnozzi hanno approfittato del “sonno estivo” per far passare in sordina l’approvazione della legge 107.

Ora parliamo noi. Dopo la creazione di una consultazione online fasulla, dopo diversi dibattiti sull’argomento tenuti in aule blindate dai vari rappresentanti del governo, non siamo più disposti a sopportare la propaganda di un esecutivo antidemocratico che basa il proprio consenso sull’apparenza.

La scuola per cui lottiamo è un luogo in cui professori e studenti collaborano per diffondere il sapere attraverso un processo collettivo nel quale tutte le componenti sono parti fondamentali. Non siamo contrari alla valutazione dei professori se frutto di un percorso trasversale. Valutiamoci insieme! Siamo contrari alla figura di un Preside-manager che, in maniera autoritaria e insindacabile, può valutare il lavoro dei docenti e decidere di assumere o licenziare il personale a sua discrezione. Per noi l’istruzione pubblica deve fornire una coscienza critica ai giovani e non essere una fabbrica di lavoratori obbedienti.

Ma la “buona Scuola” esiste e non centra nulla con i palazzi del potere. L’abbiamo dimostrato più volte con autogestioni, occupazioni e centinaia di assemblee autogestite nelle scuole che rendono evidente la possibilità di un modo alternativo di concepire e organizzare la scuola.


Non staremo certo con le mani in mano di fronte ad una manovra che va a intaccare i principali fondamenti dell’istruzione pubblica. Non permetteremo al Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Stefania Giannini di alterare gli scopi ultimi della scuola; infatti bloccheremo in con ogni mezzo possibile il modello di sfruttamento proposto nel provvedimento ovvero l’entrata degli studenti all’interno della catena produttiva di questa società tramite 200 o 400 ore di alternanza scuola-lavoro.

Il fatto che la legge sia passata non ci intimorisce, saremo presenti nelle scuole e nei Consigli d’Istituto a fianco dei professori di ruolo e dei precari per boicottare l’avvento dei privati nelle scuole e proporre le alternative che abbiamo costruito l’anno passato durante le autogestioni e le occupazioni. Non accettiamo che privati possano entrare nei Consigli d’Istituto. Non accettiamo una scuola-azienda e il lavoro gratuito che ne consegue, non accettiamo che i professori vengano sottoposti a giudizio dal Preside, non accettiamo che i precari debbano sottostare al vincolo di 3 anni di tirocinio per poter essere di ruolo.

Pertanto invitiamo tutti i collettivi studenteschi di Milano Venerdì 2 Ottobre nell’Università Statale di via Festa del Perdono ad un’assemblea pubblica di lancio del corteo studentesco del 9 Ottobre.

Ci vediamo Venerdì 9 Ottobre con un Corteo Studentesco Cittadino che sfilerà per le strade della città.
Saremo in prima fila contro la legge 107.
La buona scuola siamo noi!
STAYTUNED

Rete Studenti Milano
Casc Lambrate

Tag:

2 risposte a “9 Ottobre corteo studentesco, la Buona Scuola siamo noi!”

  1. […] Nel capoluogo lombardo l’appuntamento con il corteo studentesco è fissato per venerdì 9 ottobre, alle 9.30, in Larg… […]

  2. […] a Milano, è prevista una mobilitazione studentesca per costruire un’opposizione reale e sui territori alla Riforma della Buona Scuola del […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.