Corteo studentesco “La Buona Scuola siamo noi/Refugees Welcome” – la diretta (foto e video)

Pomeriggio: assemblea sulla Riforma della Buona Scuola.

Ore 12,00: il corteo giunto all’altezza di Corso di Porta Vigentina occupa l’ex-sede del CONI abbandonata da anni dove, nel pomeriggio, si terrà un’assemblea sulla Buona Scuola.

Ore 11,35: azione per il diritto allo studio al C.I.Di.S. (Consorzio Interuniversitario per il Diritto allo Studio) di Via Santa Sofia da parte di Link.

Ore 11,30: la testa del corteo gira in Santa Sofia.

Ore 11,22: il corteo procede in Corso Italia.

L’azione davanti al Consolato ungherese di Milano.

Ore 11,05: all’altezza del Consolato ungherese in Via Fieno 3 viene aperto uno striscione con scritto “Open Borders” e srotolato del filo spinato in relazione alla posizione presa quest’Estate dal governo di destra di Orban sulla questione dei rifugiati. L’Ungheria ha infatti deciso di costruire un’enorme muro di filo spinato per impedire ai migranti di transitare per il suo territorio e raggiungere l’Europa del Nord.

Ore 11,00: il corteo in Piazza Missori.

Ore 10,50: il corteo arriva all’altezza di Piazza Duomo.

Alla partenza in Largo Cairoli si è svolta un’azione contro i “free jobs” riprendendo la campagna contro Expo di questa Primavera.

12086900_1068882446457412_1372692244_n

Prime immagini del corteo che parte.

Ore 10,30: il corteo lentamente si muove. Presenti in piazza circa 3.000 studenti.

Ore 10,10: un’intervista a Simone della Rete Studenti Milano sui motivi della mobilitazione odierna.

Ore 10,00: lentamente la piazza si struttura e il corteo inizia a muoversi.

Prima mattinata: si organizzano i picchetti nelle scuole e poi gli spezzoni si muovono per la città per raggiungere i due concentramenti della manifestazione. La Rete Studenti Milano direttamente in Largo Cairoli e il Casc Lambrete in Porta Venezia. Presenti tante scuole tra cui: Agnesi, Giorgi, Oriani, Mazzini, Boccioni, Manzoni, Brera, Tito Livio, Virgilio, Donatelli e Hajiech. Lo spezzone del Casc raggiunge poi Largo Cairoli dove il corteo si muove.

Corteo2Oggi, a Milano, è prevista una mobilitazione studentesca per costruire un’opposizione reale e sui territori alla Riforma della Buona Scuola del governo a trazione PD.

MilanoInMovimento seguirà in diretta il corteo di oggi.

La scuola, la sanità e il mondo del lavoro. Questi sono tre dei settori fondamentali messi sotto attacco dal Governo Renzi che, al di là della cortina fumogena e della retorica delle riforme, sta seguendo i dettami della Troika nel pieno solco delle politiche di austerità neo-liberiste. 

Approfittando dell’Estate il Governo ha approvato la riforma della scuola che, se da un lato tenta in qualche modo di ridurre l’annoso problema dei precari dall’altro prosegue nelle politiche di progressiva privatizzazione che hanno colpito il mondo dell’istruzione italiano negli ultimi 25 anni partendo dalla “famosa” riforma Ruberti dell’Università del 1990 allora contrastata dal movimento della Pantera. Progressiva privatizzazione che è passata attraverso le politiche dei vari Ministri della Pubblica Istruzione che si sono succeduti in questi anni: da Berlinguer passando per la Gelmini (anche lei duramente osteggiata dall’Onda nel 2008) per arrivare alla Giannini.

Con la scusa della meritocrazia e dell’autonomia viene inserita la figura del preside-manager. Cosa c’entri la figura di un manager con l’istruzione dei giovani si capisce assai poco. Si prosegue poi con l’ingresso dei privati nel mondo della formazione e si creano scuole di serie A e serie B.

Tag:

2 risposte a “Corteo studentesco “La Buona Scuola siamo noi/Refugees Welcome” – la diretta (foto e video)”

  1. […] fine del corteo studentesco “La Buona Scuola siamo noi/Refugees Welcome” che oggi ha visto scendere in piazza 3.000 studenti è stata occupata l’ex-sede del CONI di […]

  2. […] diretta di Global Project), a Milano (con il Casc e il centro sociale Cantiere, qui il resoconto di Milano in Movimento), mentre a Palermo (qui l’articolo di Infoaut), Bologna, Napoli e Roma c’erano le […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.