Statale – Nasce l’Auletta occupata

Appuntamento oggi alle 14.

L’ondata repressiva e desertificatrice di Vago, giunto ormai a pochissimi giorni da fine mandato, sembra finita. Nel pomeriggio di ieri è stata occupata l’Auletta, uno spazio abbastanza noto per chi conosce un minimo la Statale. Ironia del destino l’occupazione avviene quasi in contemporanea col decimo anniversario dell’esplosione dell’Onda, l’ultimo grande movimento universitario che ha attraversato questo paese nell’Autunno 2008.

Qui di seguito il comunicato di LUMe:

UN NUOVO SPAZIO LIBERATO IN UNIVERSITÀ!

Dopo 3 anni l’auletta torna in mano agli studenti. Annunciamo con gioia e rabbia la nascita dell’Auletta occupata, un altro piccolo squarcio nella rete repressiva e soffocante che da anni è stata costruita intorno all’università Statale di Milano.
La nostra volontà di occupare questa aula si oppone e resiste ad una visione dell’università come azienda, dove la figura dello studente si è trasformata sempre più in utente, mero utilizzatore ed agente economico. Ribadiamo invece con forza la nostra esistenza in quanto soggetti, il nostro voler autodeterminarci ed organizzarci per proporre e far emergere la nostra visione di un’università migliore.
Questo nostro gesto si è scontrato con piani e trattative segrete di alcune associazioni studentesche presenti nella nostra università, che dietro le quinte hanno cercato di appropriarsi di uno spazio pubblico privatamente per poi usufruirne in maniera esclusiva.
Abbiamo deciso di reagire a queste trattative vergognose che andavano ad assegnare, nel più assordante silenzio, uno spazio storicamente moltitudinario ad un’associazione che ha già punti di aggregazione e luoghi di incontro propri in università. Il rettore Vago, dopo aver ignorato le richieste della componente studentesca reprimendo tutti i tentativi di utilizzo dello spazio da parte degli studenti, cede alle pressioni UDU concedendo spazio a chi già ne ha e privando gli studenti di ciò che è loro.
La nostra occupazione vuole creare una sfera di resistenza all’interno dell’università, luogo di convergenze e di avanguardia da cui in un momento storico come questo può nascere una risposta che sappia sovvertire lo stato di cose presente.
Consapevoli di voler creare un percorso strutturato e condiviso che possa essere attraversato da soggettività differenti lanciamo la creazione di un’assemblea costituente dell’Auletta occupata a tutte quelle associazioni e collettività senza spazio che si riconoscono nei valori dell’Antifascismo, Antirazzismo, Antisessismo ed Anticapitalismo.
Ci vediamo domani alle 14:00 nell’Auletta Occupata

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.