Brigata Lena-Modotti – La solidarietà non ha scadenza!

Siamo la Brigata Lena-Modotti: una catena di solidarietà che grazie alle donazioni di diverse persone, e attraverso il lavoro delle volontarie e dei volontari del centralino riesce ad arrivare alle frange più deboli della società, portando una spesa solidale a tutti coloro in condizione di bisogno a causa della pandemia.

Vogliamo continuare a farlo.

Abbiamo operato con determinazione, arrivando dove le Istituzioni preposte non arrivano. Il Comune di Milano stesso si è appoggiato alla nostra brigata rigirando molte chiamate e richieste di aiuto dal loro centralino al nostro.

Tuttavia, oggi la catena di solidarietà che è riuscita a garantire una distribuzione capillare e auto-organizzata raggiungendo oltre 11.000 famiglie in condizione di grave difficoltà economica e sociale, rischia di spezzarsi. L’anello debole è il nostro magazzino: con il caldo e la ripresa della vita dopo il lockdown, lo spazio a cui ci siamo appoggiati fino ad ora non sarà più utilizzabile. Abbiamo bisogno di un nuovo spazio, dove portare avanti la nostra attività di stoccaggio di derrate alimentari e logistica della distribuzione. Senza un magazzino ci troveremmo costretti ad abbandonare tutte quelle persone che in questi mesi hanno potuto sopravvivere con dignità grazie al nostro operato, e non vogliamo che accada.

Chiediamo un magazzino per poter proseguire la nostra attività; il lavoro che abbiamo portato avanti in questi mesi deve essere riconosciuto.

Dobbiamo affermare che l’assenza istituzionale è stata una costante nella risposta all’emergenza. Da mesi chiediamo un aiuto concreto per permetterci di continuare a lavorare: abbiamo chiesto mascherine, disinfettanti, test sierologici, rimborsi di benzina e la possibilità di inoltrare le chiamate del nostro centralino ad un numero di telefono gestito da personale competente. L’elevatissimo numero di richieste giornaliere e la complessità di certe situazioni sociali è stata sostenuta solo con i mezzi che noi volontari/e, studenti e studentesse, lavoratori e lavoratrici, possiamo mettere a disposizione. La cosa che più ci dispiace e ci fa arrabbiare è che la chiusura del nostro centralino comporterà la fine di un sostegno indispensabile per migliaia di famiglie, che dal 10 Giugno saranno ancora più in difficoltà.

Se la crisi sanitaria sembra passata, quella economica-sociale deve ancora mostrarsi in tutta la sua tragicità. Le Brigate intendono continuare a portare il loro supporto in tutto il tessuto urbano: dalle strade della città agli edifici popolari, dalla periferia alle zone centrali, ovunque ci siano persone in difficoltà.

Dalla gente per la gente. Solidarietà, mutualismo, inclusione. Questi sono stati i valori sui quali è nata la brigata Lena-Modotti per i quali continuerà a lavorare. La brigata Lena-Modotti chiede a gran voce al più presto uno spazio, affinché la catena di solidarietà attivata negli ultimi mesi non si spezzi.

L’emergenza sociale è adesso, il nostro magazzino è in scadenza!

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *