Lavoratori in stato d’agitazione – Dopo il San Paolo, blitz all’ospedale San Carlo

Terza settimana di intervento politico sul tema sanità. Dopo il blitz al San Raffaele per la vicenda delle costosissime visite domiciliari e quella al San Paolo ieri, in qualche modo, si è chiuso il cerchio con un flashmob al San Carlo in vista dello sciopero del 14 dicembre. Le ultime due strutture sono state investite da polemiche dopo una lettera interna divenuta pubblica sulle falle nella gestione dell’emergenza. I lavoratori e le lavoratrici sono in stato di agitazione e i sindacati denunciano un clima interno irrespirabile.

Questo il comunicato di ieri.

Questa mattina, tra la nebbia, siamo tornat* davanti all’ingresso dell’ospedale San Carlo per portare la solidarietà ai lavoratori e alle lavoratrici che sono in stato di agitazione dal 21 novembre, prendendo parte al presidio del Comitato Sud Ovest Milano – Cittadini a sostegno della Sanità Pubblica
Nell’ospedale i lavoratori e le lavoratrici della sanità sono costrett* a causa della gestione criminale del direttore generale Matteo Stocco e di quella vergognosa dei vertici di Regione Lombardia Fontana e Gallera “a dilazionare l’accesso a terapie e tecniche potenzialmente curative (intubazione orotracheale e ventilazione non invasiva) e non poter trattare tempestivamente, con adeguata assistenza e in ambiente appropriato, tutti i pazienti che ne potrebbero beneficiare”.
Tutto ciò per la mancanza di tecnici e personale; il direttore ha evidentemente altre priorità:
silenziare le minacciare e chi ne denuncia la mala gestione!
In vista dello SCIOPERO INDETTO PER IL 14 DICEMBRE, esigiamo le DIMISSIONI DEL DIRETTORE GENERALE MATTEO STOCCO responsabile delle mancanze denunciate dai medici e delle pressioni interne per far tacere le voci del dissenso.
Pretendiamo le DIMISSIONI DEL DUO DELLA VERGOGNA, FONTANA E GALLERA, che si trastullano in inutili scaribarili col governo centrale per garantire il profitto alle aziende sotto natale, anzichè pensare alla slaute ed ai quasi 23 000 morti che hanno sulla coscienza!
CI FATE SCHIFO!

 

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.