Presidio della Consulta Rom davanti a Palazzo Marino

 Si è tenuto nel tardo pomeriggio di ieri il presidio voluto dalla Consulta rom e sinti davanti a Palazzo Marino, presidio che ha visto la presenza dei rappresentanti dei diversi campi, regolari e non, della città.

In piazza tante donne e tanti bambini aspettavano insieme una probabile uscita dal consiglio Comunale, riunito in seduta, di Paolo Limonta, collaboratore del sindaco sulle questioni più spinose che emergono dalle relazioni con la città.

Nel comunicato lanciato in rete la Consulta richiedeva all’amministrazione un incontro per discutere il tema dei continui sgomberi e per chiedere l’apertura di un tavolo di lavoro sulla questione rom e sinti.

Verso le cinque e trenta Paolo Limonta ha raggiunto il presidio ed è stato accolto da due bimbe rom che gli hanno consegnato il comunicato-documento della Consulta e una letterina scritta da una bimba rom di 11 anni risiedente in uno dei campi sottoposto a futuro sgombero.

I rappresentanti delle comunità presenti, tra cui quelle di via Novara e via Negrotto, hanno fatto richiesta a Limonta di un segno di discontinuità da parte di questa amministrazione rispetto alla politica della precedente; segno che fino alle dichiarazioni di ieri dell’assessore Granelli di una probabile sospensione degli sgomberi, non c’era stato.

E’ stata fatta dunque richiesta di una moratoria degli sgomberi per l’inverno e di una deroga perché nei ricoveri comunali si accolgano le famiglie senza dividerle.

Limonta durante l’incontro ha tenuto a precisare che :” Questa giunta a differenza della precedente vi considera persone e non numeri, tanto che come avete visto i nostri sgomberi non avvengono ne in tenuta antisommossa nè tantomeno con la presenza di ruspe … che sappiamo tutti cosa possono creare nell’immaginario dei bambini”.

Dichiarazione subito smentita dall’intervento di un volontario operante nei campi che sollevando il problema dei campi non regolari ed in particolare quello di Bonfadini, gli ha ricordato come nell’ultimo tentato sgombero, proprio del campo irregolare di via Bonfadini, fossero presenti due ruspe e due camion Amsa.

Riguardo questo particolare campo è singolare come da poco si sia saputo che è decaduto l’ originario motivo dello sgombero, sembra infatti essere notizia ufficiale che la strada statale Paullese di lì non passeràpiù, tanto che ci si domanda se quindi lo sgombero previsto per il 12 Dicembre sarà effettivo o meno.

Limonta si farà relatore per il sindaco sulla questione, ha promesso, e ha richiesto alla Consulta di fornirgli un resoconto che descriva le diverse realtà rom presenti sul territorio e le loro richieste; la Consulta ha accettato, ma ha richiesto l’apertura di un tavolo di lavoro sulla questione con una veduta più lunga sul futuro e una interrogazione su tutti gli atti dichiarati illegittimi dall’ultima sentenza del consiglio di Stato che dichiarava illegittimo il decreto emergenza.

Di fatto, rimane incerto il futuro per le comunità rom di questa città.

Di fatto, fino a quest’ultima sollecitazione, l’amministrazione non aveva realizzato un intervento conoscitivo sulle diverse comunità e le loro richieste, ma aveva applicato quasi alla lettera la politica della precedente, finendo così con il non differenziarsi su un tema delicato come il rapporto con una delle minoranze della città più bersagliate negli ultimi anni.

Ci piacerebbe che la scuola delle bimbe rom che hanno accolto ieri Limonta, sulla cartina di Milano all’opposto rispetto alla scuola elementare in cui lui insegna, formino in futuro un asse e non due linee parallele che non si incontrano mai.

Tag:

2 risposte a “Presidio della Consulta Rom davanti a Palazzo Marino”

  1. elisa ha detto:

    Ciao Franz
    avrei bisogno di sapere come hai saputo che la strada statale Paullese non passerà più nell’area per la quale è previsto lo sgombero. Mi puoi aiutare?
    grazie
    elisa

    • Franz_MiM ha detto:

      Ciao Elisa, io ho pubblicato l’articolo ma come avrai visto non ero l’autore dello stesso… giro la tua domanda a mara, che l’ha scritto, nella speranza che lei abbia la risposta alla tua domanda…
      grazie a te “dell’interazione”
      :-)
      f

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.