Basta spazi ai neofascisti! Appello dell’ANPI di Cinisello Balsamo

Il direttivo ANPI di Cinisello Balsamo

L’ANPI di Cinisello Balsamo apprende con sgomento e preoccupazione che domenica 4 dicembre prossimo dovrebbe tenersi presso la Villa Ghirlanda di Cinisello Balsamo un’iniziativa di una presunta associazione culturale, attiva da alcuni mesi a Cinisello, a cui sono stati invitati ad intervenire esponenti facenti parte di organizzazioni e associazioni culturali di estrema destra che si pongono fuori dall’ambito della Costituzione repubblicana nata e sostenuta dai valori della Resistenza.

 

Tutti i relatori invitati, infatti, come si può evincere da una semplice ricerca su internet, hanno strette relazioni con Forza Nuova e con la rivista Ordine Futuro, “una struttura attiva sul fronte della militanza culturale, generata da Forza Nuova ma aperta all’intera area della Destra Radicale” (come si può leggere sul sito della struttura).

 

Se non fossero sufficienti questi dati per comprendere la gravità delle tesi sostenute da questi soggetti, approfondendo la lettura dei documenti da essi stessi pubblicati, si può evincere che: “Del resto, una delle funzioni di Ordine Futuro è quella di dialogare con i diversi filoni dell’area per stimolarsi a migliorarsi, a dare il loro contributo intellettuale, umano e politico. Dai reduci della RSI, ai veterani del vecchio MSI e dei movimenti extraparlamentari, ai giovani e giovanissimi, dai socializzatori agli spiritualisti, dai cattolici agli evoliani, dai singoli isolati a quelli che (purtroppo), ancora sono intruppati in sigle sdoganate e inserite nel sistema che vogliamo combattere”.

 

Speriamo non ci sia bisogno di altre parole.

 

L’ANPI di Cinisello Balsamo esprime il più profondo sdegno per questo ennesimo tentativo di offendere la storia e la memoria profondamente antifasciste e democratiche della nostra città e dei nostri cittadini.

 

Per questo chiediamo:

 

-la revoca dell’utilizzo della Villa Ghirlanda per l’iniziativa in questione;

 

-che l’amministrazione comunale provveda prontamente alla modifica del regolamento per l’assegnazione degli spazi comunali, svincolandolo dal solo contributo economico e specificando chiaramente che le iniziative promosse in futuro, i relatori invitati e lo spirito delle stesse dovranno chiaramente rientrare nei valori e nella cultura della Costituzione Repubblicana nata dalla Resistenza, come l’ANPI della nostra città aveva peraltro già chiesto con forza nella lettera del maggio scorso dove si può leggere: “In particolare è indispensabile che luoghi pubblici, anche se affidati in gestione a privati, non vengano utilizzati per ospitare iniziative organizzate da movimenti neofascisti, antisemiti, xenofobi e portatori di politiche discriminatorie che si richiamino ai disvalori citati.” (http://anpicinisello.blogspot.com);

 

-che il Comune dimostri più attenzione e responsabilità in relazione a questi temi e nel monitoraggio di tali fenomeni, certamente iperminoritari, ma rigurgito di subculture di comprovata pericolosità sociale e politica.

 

La nostra città  ha già dovuto subire l’offesa del raduno hammerskins tenutosi il 29 maggio 2010: crediamo che questo tipo di iniziative, mascherate da un presunto velo “culturale” o “ricreativo”, non siano più accettabili per Cinisello Balsamo e che pongano un problema non solo di ordine pubblico, ma anche politico per la nostra città e la sua amministrazione.

 

Invitiamo quindi  l’amministrazione ad intervenire prontamente in tal senso e invitiamo tutti i partiti a sostenere questo documento dell’ANPI di Cinisello Balsamo, nella speranza di riunire tutte le forze antifasciste e democratiche della nostra città intorno a questa battaglia più che mai necessaria.

 

Cinisello Balsamo, 30 novembre 2011

 

Il direttivo ANPI di Cinisello Balsamo

 

per aderire all’appello

anpicinisello@libero.it

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.