[DallaRete] Grave provocazione poliziesca a Piazza Montecitorio

 

6032adaa-4a13-4ebd-9eba-7317fd8f878dAl termine di una conferenza stampa dei movimenti contro il piano casa di Renzi e Lupi, la Digos si è fatta largo tra giornalisti e attivisti per prelevare Paolo Di Vetta, portavoce dei Blocchi Precari Metropolitani, e tradurlo ai domiciliari.

Rinnovati gli arresti domicialiari anche a Luca Fagiano del Coordinamento cittadino di lotta per la casa. Luca e Paolo erano sottoposti all’obbligo di firma giornaliero per gli incidenti del 31 Ottobre scorso in via del Tritone, e data la loro partecipazione alla manifestazione del 12 Aprile e allo sgombero della Montagnola, il Gip ha disposto gli arresti domiciliari vista la “pericolosità dei soggetti”.

—–

La cronaca della giornata da il Manifesto del 21/05/2014 di Valerio Renzi:

Il clima di assedio contro i movimenti si inasprisce. Alla fine di una conferenza stampa sull’approvazione del piano casa di Renzi e Lupi in Piazza Montecitorio, la Digos si fa largo tra giornalisti e attivisti e notifica a Paolo Di Vetta (portavoce dei Blocchi Precari Metropolitani) il ritorno agli arresti domiciliari traducendolo immediatamente nella propria abitazione. Una modalità che assomiglia ad una provocazione e una vendetta vera e propria, così gli animi si scaldano partono insulti e spintoni. Di Vetta era stato agli arresti domiciliari, poi tramutati in obbligo di firma giornaliero, per gli incidenti scoppiati il 31 Ottobre scorso in via del Tritone. Ora il magistrato chiede un inasprimento delle misure cautelari: Di Vetta ha continuato infatti la sua normale attività politica, fatta di occupazioni e momenti di piazza (anche duri come il 12 Aprile). Dopo un paio d’ore la notizie che anche per Luca Fagiano, del Coordinamento cittadino di lotta per la casa, è stato disposto il ritorno agli arresti domiciliari.

Durante la conferenza stampa i movimenti avevano rilanciato la mobilitazione contro il governo Renzi e i provvedimenti passati a colpi di fiducia, dl Poletti e piano casa. Proprio Di Vetta aveva dichiarato: “verificheremo se si può continuare a occupare, se ci staccano la luce, se staccano l’acqua e il gas e se si possono fare cortei. Saranno giornate di ‘verifica’ che costruiranno il percorso verso Torino, dove l’11 Luglio si terrà il vertice sulla disoccupazione giovanile. Il governo questa nostra azione di resistenza la vede come il fumo negli occhi”.

In aula solo pochi minuti il piano casa era passato in aula semi deserta, con i parlamentari impegnati in campagna elettorale, con 272 voti a favore e 92 contrari. A favore tutto l’arco delle larghe intese che sostengono Renzi, contrari 5 stelle e Sel, astenuti Fdi e Forza Italia. A difendere il provvedimento il ministro Lupi che ha parlato di “una legge che affronta organicamente il problema e non il solito decreto tampone che si limita al vecchio rito della proroga degli sfratti. Con un decreto che mobilita quasi due miliardi di euro, andiamo concretamente incontro a chi ha bisogno e vive il dramma dell’emergenza casa, con i fondi sull’affitto e sulla morosità incolpevole; diamo quasi 600 milioni di euro per l’edilizia popolare attraverso il recupero degli alloggi inagibile ex Iacp; rilanciamo l’housing sociale e riaffermiamo la certezza del diritto per chi si vede occupare abusivamente la casa ”. Per i democratici interviene Simona Bonafé, capolista alle europee del Pd nella circoscrizione del centro, che attacca le “occupazioni abusive” e parla di un successo del governo. Di tutt’altro avviso il M5S che interviene in aula con Federica Daga “ci accusate di esserci intolleranti e poco inclini al dialogo? Si, siamo intolleranti perché siamo gli indignati e gli offesi di questo paese”, dice la Daga che poi attacca “noi non avremmo mai tolto il diritto all’assistenza sanitaria, alla residenza, agli allacci all’acqua e luce, persone disperate che non hanno un reddito. Questo lo avete fatto voi”. Sel ha invece parlato di provvedimento “disumano” e si dissocia dal coro il Pd romano che con il capogruppo D’Ausilio ha parlato di “alcune misure contenute nel decreto Lupi, appena convertito, rischino di rendere più arduo questo percorso: in particolare l’articolo 5 potrebbe mettere a rischio la tenuta sociale di diversi luoghi della città in un momento di grave crisi economica”. Per i sindacati degli inquilini le risorse non solo sono insufficienti per il sostegno all’affitto e la risoluzione dell’emergenza abitativa, la legge non da neanche risposte a chi non ha disponibilità economiche per accedere ad un mutuo o per pagare l’affitto.

Ora che il piano casa è legge la battaglia sul famigerato articolo 5, quello che prevede il distacco delle utenze e il diniego delle residenze per chi vive in occupazione, si sposterà nelle aule dei tribunali. Molti potrebbero essere i rilievi di incostituzionalità come spiega l’avvocato Bartolo Mancuso, che si è occupato della vicenda per il Forum diritti lavoro, “il provvedimento negando la residenza, che è definita come il luogo abituale di dimora e che è strettamente legata ai diritti fondamentali della persona, subordina i diritti della persona alla difesa della proprietà privata. Non è in caso che i primi dodici articoli della Costituzione parlano dei diritti fondamentali e il diritto alla proprietà privata arriva solo all’articolo 42”. “La residenza e le leggi anagrafiche – spiega ancora Mancuso – sono un passaggio fondamentale nella costruzione del diritto moderno e della democrazia”.

 

 

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *