[DallaRete] Napoli – BlockBCE la manifestazione contro la Banca Centrale Europea

bce2Block Bce, la manifestazione a Napoli di oggi 2 Ottobre.

Un corteo che vede la partecipazione di circa 5.000 persone per contestare il Consiglio di Governo della Banca Centrale Europea e tutti quei governatori che hanno diretto in questi anni le politiche di austerità, precarietà, tagli alla spesa sociale, alla scuola ed alla sanità.

Un’istituzione antidemocratica che ha guidato l’impoverimento di decine di milioni di persone in tutti i paesi dell’Unione Europea.

Il corteo sfila per viale Colli Aminei avvicinandosi alla reggia in cui si sono barricati i signori dell’euro e dall’austerity. I/le 5.000 scesi in piazza questa mattina invitano la città a non avere paura, a scendere in strada, ad aprire le saracinesche e manifestare contro l’unico blocco della devastazione sociale che è quello chiuso dentro Capodimonte.

Napoli oggi vive la sua quinta giornata.

Napoli resiste contro tagli, ultimatum e diktat che hanno ammalato l’Europa!

Cronaca dal corteo:

13:50 Napoli – Il manifestante fermato sarebbe ancora trattenuto in Questura.

13:41 Napoli – La manifestazione #BlockBCE attraversa il rione sanità fra gli applausi della gente del quartiere.

13:23 Napoli – Il corteo prosegue su Ponte della Sanità, verso il centro città.

13:16 Napoli –  Nonostante l’uso assolutamente ingiustificato e infame dei lacrimogeni su un corteo pacifico, la manifestazione si ricompatta e chiede l’immediata liberazione dell’attivista fermato per aver provato ad appendere uno striscione. Vogliamo proseguire ma non senza essere di nuovo tutti insieme! Siete dei bastardi! Questa Europa la sovvertiremo!

12:59 – Napoli – L’attivista in stato di fermo era riuscito a violare simbolicamente con uno striscione il fortino di bosco di Capodimonte, il cuore del vertice.

12.41 – Napoli – Il corteo chiede la liberazione immediata dell’attivista fermato.

12.40 – Napoli – Un manifestante che era riuscito a entrare nel giardino di Capodimonte per aprire uno striscione è ora in stato di fermo.

12.25 – Napoli – Il corteo si ricompatta dopo le cariche e decide di riprendersi il centro cittadino.

12:16 – Napoli – Lanci di lacrimogeni e prime cariche contro i manifestanti.

12:15 – Napoli – Le Forze dell’Ordine utilizzano gli idranti contro i manifestanti incordonati.

11:58 Napoli – Il corteo incassa la solidarietà del C.t.o, uno degli istituti ospedalieri tartassati dai tagli e dalle politiche di austerità.

11:42 Napoli – Il corteo raccoglie tutta la solidarietà di un quartiere che era stato terrorizzato dalla Questura e dalla stampa main stream

11:26 Napoli – La città decide di non chiudersi dentro, sempre più persone si affacciano alle finestre per applaudire il corteo e i negozi tirano su le saracinesche

11:20 Napoli – Dai balconi delle case lungo il viale la gente è solidale e applaude chi è in corteo e non ha paura

11:16 Napoli – Il corteo sfila per viale Colli Aminei avvicinandosi alla reggia in cui si sono barricati i signori dell’euro e dell’austerity.

11:12 Napoli – Gli studenti medi del coord. Kaos srotolano uno striscione che riporta “Assassini, meno caserme più case” di fronte a un cantiere dove è prevista l’ennesima costruzione di una caserma. In ricordo di Davide Bifolco, diciassettenne ucciso nel Rione Traiano da un carabiniere.

11:08 Napoli – Gli oltre 5.000 manifestanti invitano la città a non avere paura, ad aprire le saracinesche e manifestare contro l’ultimo blocco della devastazione sociale chiuso dentro Capodimonte.

10:50 Napoli – E’ appena partito il corteo, variegata la composizione che vede i precari, centri sociali e lo spezzone studentesco. Lo striscione di apertura recita “ Precarietà, povertà, disoccupazione, speculazione. Liberiamoci dalla BCE”.

10:38 Napoli – Tanti i cori dal concentramento “Non abbiate paura dei BlackBlock ma dell’austerity Block”, nel frattempo il corteo si prepara a partire.

10:15 Napoli – #BLOCKBCE si riempie il concentramento ai Colli Aminei per la manifestazione contro il vertice.

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.