Escalation israeliana contro la striscia di Gaza_ 7 palestinesi uccisi, 52 feriti

Il bilancio delle vittime  si è aggravato nelle ultime ore e il numero dei palestinesi rimasti uccisi durante le offensive israeliane  è salito a sette in un solo giorno.

Di questi sette tre erano bambini.

Ieri le cannonate sparate dai carri armati israeliani hanno fatto quattro morti, oggi gli attacchi si sono intensificati con  raid aerei a nord e a est di Gaza city che hanno portato all’ uccisione di altri tre palestinesi e ferito 52  persone, tra cui 6 donne e 12 bambini.

Le azioni offensive, effettuate via terra e via cielo,  nelle ultime 72 ore sono avvenute in particolare a Shujaia (a est di Gaza city) e nella zona orientale del distretto di Khan Yunis e hanno avuto  come obiettivo per lo più civili inermi.

Lo Stato ebraico sostiene che il pesante cannoneggiamento sia la risposta al lancio di  un razzo anticarro sparato dai palestinesi lungo le linee di confine nei giorni scorsi, razzo che aveva colpito un carro militare ferendo quattro soldati.

L’attacco alla pattuglia è stato successivamente rivendicato dal Fronte popolare per la liberazione della Palestina (Fplp).

In realtà l’intensificarsi degli attacchi da parte di Israele  sembrano essere una vera e proria escalation contro la striscia di Gaza.

Sabato un bambino palestinese, Hamid Younis Abu Dagka, 13 anni mentre giocava a calcio al “Mentar Hill”, a est del quartiere di al-Shuja’iya, nella città di Gaza, è stato ucciso  durante un raid israeliano.

Gli spari dei militari hanno provocato  decine feriti tra i civili, di cui molti minorenni, sopraggiunti dopo il primo missile e rimasti colpiti e uccisi dal secondo e dal terzo missile sparato dai carri israeliani.

I palestinesi hanno reagito al fuoco israeliano lanciando 36 razzi verso il sud dello Stato ebraico e lì  le autorità locali hanno proclamato lo stato d’emergenza per la popolazione.

Gli aerei da guerra israeliani hanno risposto prendendo di mira diversi membri della resistenza palestinese e  come risultato hanno ottenuto 2 resistenti uccisi  in due diversi attacchi nel nord della Striscia di Gaza

Secondo fonti di stampa nelle ultime ore due civili israeliani sarebbero rimasti leggermente feriti dai lanci di razzi palestinesi.

 

Vi proproniamo le riflessioni di Noam Chomsky scritte dopo l’ultima visita a Gaza avvenuta lo scorso Ottobre 2012

Nella versione non tradotta

In italiano 


Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.