I lavoratori Jabil occupano il Comune

Stamani alle 9,00 ci siamo ritrovati ed abbiamo deciso di interrompere questi mesi di silenzio da parte del sindaco di Cassina Dè Pecchi, facendogli una visitina in Comune (avendo saputo che era in sede).

Abbiamo ottenuto la disponibilità da parte del sindaco ad essere presente nei nostri incontri in Regione (confidiamo che sia davvero sincero), la destinazione d’uso del terreno a quanto dice rimane industriale e abbiamo saputo che il sindaco all’incirca un mese e mezzo fa chiese un incontro al Ministro riguardo alla nostra situazione ma nn c’è ancora stata nessuna risposta (abbiamo potuto vedere con i nostri occhi la lettera che ha inviato). Manifestazioni violente non ce ne sono state (ovviamente), però erano presenti 3 vigili, 5 carabinieri e 2 agenti della Digos… Che dite, erano abbastanza?

Speriamo che non siano solo parole, perchè dopo otto mesi di presidio e due di occupazione dell’azienda pensiamo di avere diritto quanto meno ad essere ascoltati e supportati da chi di dovere.

(14 febbraio 2012)

tratto da: http://www.isoladeicassintegrati.com

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.