Dopo lo sgombero dei senzatetto, tendata sotto il Comune di Milano

TENDATA SOTTO AL COMUNE – NOI SIAMO ANCORA QUA!

Siamo oggi in piazza come Mutuo Soccorso Milano, Lambretta, Studenti Tsunami e come persone di questa città per chiedere con urgenza l’apertura di un tavolo pubblico con il Comune di Milano per affrontare la delicata questione delle condizioni in cui versano i senza fissa dimora, vittime tra l’altro in questi giorni di operazioni di sgombero condotte senza preavviso da forze dell’ordine e AMSA.

Il Comune diffonde dati che parlano di migliaia di posti letto in dormitori a disposizione dei senza tetto, numero incrementato durante il periodo invernale come previsto dal “ Piano freddo”.
La realtà dei fatti parla di strutture fatiscenti, in condizioni igienico sanitarie precarie, con procedure di accesso macchinose e lunghe, tali da non poter garantire la risposta ad un emergenza immediata. L’unica soluzione immediata proposta sembra essere l’apertura di un mezzanino della metro in cui sono disposte delle brande.
L’accesso è garantito solo in orari stabiliti ( dalle 8:00 alle 5:00), non esiste nessuna informativa esterna chiara per chi ne deve usufruire, la “struttura” è attualmente a metà capienza.

Siamo in strada ininterrottamente dall’inizio della pandemia e quanto abbiamo rilevato tramite questionari ed il contatto diretto quotidiano con le persone mette in luce un’ assenza totale di servizi igienici di base per chi rimane fuori dalle strutture.

Dopo aver messo a disposizione coperte e sacchi a pelo necessari a chi rimane escluso dai dormitori, il Comune rastrella gli stessi beni donati in nome di decoro e sicurezza per i residenti e gli stessi senzatetto, cadendo in contraddizione e mostrando un piano di gestione finanziaria dell’emergenza confuso e arbitrario.
Noi siamo ancora qua, come attivist* e volontar* sempre dalla parte di chi rimane indietro, a pretendere un radicale cambio di passo in merito alle disuguaglianze che attanagliano la città. Siamo ancora qua, con le persone senza fissa dimora, nonostante una narrazione pubblica orientata soltanto alle esigenze di ripartenza economica che riguarda solo una maggioranza privilegiata. Siamo ancora qua, nonostante la mancanza di supporto materiale da parte del pubblico e col solo sostegno della popolazione solidale, davanti a un tavolo abbandonato dalle stesse istituzioni che amano parlare della Milano inclusiva.

Abbiamo proposte dettagliate e concrete, di facile e immediata realizzazione, già portate su un tavolo aperto alla presenza di una nostra delegazione formata anche da senzatetto. Alle nostre proposte e a quelle avanzate da altre associazioni attive sul territorio definite dallo stesso Comune ottime e condivisibili, non è seguito nessun fatto concreto e ancora oggi vediamo che la risposta alla marginalità viene sempre affrontata in modo emergenziale e come un problema di ordine pubblico. Nulla è cambiato con l’insediamento della nuova giunta, se non in peggio.

Chiediamo al Comune e ai responsabili diretti di questa di rendere pubblicamente conto della narrazione che offre alla cittadinanza non attraverso testate giornalistiche ma in un dibattito pubblico e aperto

L’inverno è ancora lungo e avremo ancora bisogno di sostegno! Abbiamo ancora bisogno di tende, sacchi a pelo e coperte.

Per sostenerci economicamente puoi donare a questo link o su paypal.

Inoltre il progetto Drago Verde è sempre in cerca di nuov* volontar*. Gli appuntamenti sono alle 20 ogni mercoledì e domenica al Lambretta, in Via Edolo 10.

Dalla gente, per la gente.

Mutuo Soccorso Milano APS

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.