Milano – In corteo per Dax

17353277_10212721387934659_1857060927985317055_n
image-47345
Centinaia di antifascisti in corteo ieri sera.

Ieri sera, a 14 anni dall’omicidio di Dax e dal massacro dell’ospedale San Paolo si è svolto per le vie di Milano Sud, l’annuale corteo antifascista organizzato per non dimenticare quel 16 Marzo 2003.

Nel pomeriggio, alcune decine di attivisti hanno svolto un volantinaggio e un presidio in Piazza Abbiategrasso, zona spesso battuta dai fascisti di Forza Nuova, la cui sede in quartiere Stadera dista poche decine di metri dalla piazza. L’arrivo di Zam e GTA in questa fetta di zona Sud ha in qualche modo iniziato a mettere in discussione la presenza neofascista sull’asse Stadera-Gratosoglio.

Simultaneamente, fuori dal Liceo Manzoni, gli studenti chiamati alla mobilitazione da Rete Studenti e Casc Lambrate si sono concentrati per poi spostarsi in corteo in piazza XXIV Maggio e raggiungere Via Brioschi percorrendo Corso San Gottardo.

Il presidio in Via Brioschi, con un alternarsi di interventi e filmati, ha visto la sua partecipazione crescere progressivamente.

Importante la presenza in piazza dei familiari di Abd El Salam, il lavoratori egiziano ucciso da un tir durante un picchetto alla GLS lo scorso Settembre.

Poco dopo le 21 il corteo si è mosso verso il Parco Ravizza passando davanti al monumento dedicato a Roberto Franceschi, uno studente del movimento ucciso dalle Forze dell’Ordine davanti all’Università Bocconi nel Gennaio 1973.

Successivamente, percorrendo le strade del Ticinese, il corteo è arrivato in Via Gola dove Davide viveva e faceva attività politica all’O.R.So., l’Officina della Resistenza Sociale.

Nonostante il trascorrere degli anni il ricordo di quella notte resta vivo nella mente dei tanti attivisti che quotidianamente fanno vivere gli spazi sociali e i percorsi di lotta. Importante vedere in piazza tanti giovanissimi che, all’epoca dei fatti, erano da poco nati. Segno evidente che, in qualche modo, il filo della memoria sta venendo via via passato di mano.

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *