Mafia a Milano!

“C’era una volta la mafia…”. Bambini, svegliatevi. Purtroppo la mafia, al Sud come al Nord, non è una favola. Fino a qualche anno fa nell’immaginario collettivo la criminalità organizzata, nelle sue varie denominazioni regionali, era un fenomeno strettamente legato alle famiglie del Sud e alle figure dei capi clan armati di lupara e coppola, che di favolistico avevano comunque ben poco. Dalla stagione dei sequestri di persona a quella del traffico di sostanze stupefacenti e della prostituzione, e più recentemente anche al comparto agricolo (ndr. la camorra, in particolare i Casalesi, proprietari di molti caseifici, producono mozzarella con prodotti di scarto o addirittura nocivi, per esempio sbiancandola con la calce) e a quello della creazione di discariche abusive, la realtà ci presenta ora una situazione dai contorni più variegati. E il problema non si riduce a quello della trattativa fra lo Stato e la mafia probabilmente avvenuta in anni passati e di cui tanto parlano i giornali in questi giorni.

La mafia al Nord non solo esiste, a dispetto dello scetticismo di qualche politico, ma si è radicata nel tessuto sociale a tal punto nelle città come nelle province da essersi fusa con parti di amministrazioni pubbliche, di società finanziarie, continuando ad agire in numerose attività illecite, e inquinando soprattutto i cosiddetti mercati legali, come quelli delle gare d’appalto.

Per anni si è negato, minimizzato, manifestato sorpresa di fronte ad alcune indagini e ad alcuni arresti, sottovalutando quella che a tutti gli effetti è una storia lunga più di sessant’anni. La storia della Mafia al Nord, e della mafia a Milano, dal centro alla periferia.

La storia di un’infiltrazione trasformatasi in colonizzazione, come dimostra tra gli altri la XIII edizione del rapporto dell’associazione Sos Impresa – dal titolo “Le mani della criminalità sulle imprese” – secondo cui la mafia si conferma essere il più grande agente economico del Paese, la prima industria italiana per fatturato.

Ultimo esempio di questa triste storia, l’incendio che nella notte tra il 17 e il 18 luglio scorso ha bruciato il furgone di Loreno Tetti. Il proprietario del mezzo era solito vendere panini davanti all’Università a Città Studi, in via Celoria, e proprio questa sua attività lo portò a denunciare in tribunale, come unico testimone, il cosiddetto “racket dei paninari”, descrivendo nei dettagli il funzionamento del sistema. Sì, perché non solo i gestori di ristoranti e bar, ma anche i possessori di un camioncino o di un chiosco sono soggetti, per poter continuare la propria attività tranquilli e senza concorrenti, a pagare il pizzo. Si ipotizza che il rogo sia collegato alla sua denuncia contro i Flachi, i padroni assoluti di Bruzzano e della Comasina dagli anni ’80, famiglia nota alle cronache per questo giro di affari come per quello dei “buttafuori” delle discoteche (basti pensare ai “super alla moda” De Sade di via Valtellina e al Babylon, ma anche al Just Cavalli e all’Hollywood), dei cantieri e dei centri sportivi (come quello di via Iseo, dato alle fiamme da ignoti l’ottobre scorso), ai ristoranti che hanno sede in pieno centro, sotto la Madonnina, come il Ciardi. Che siano i paesini del sud o la grande area metropolitana di Milano, i metodi mafiosi non cambiano.
Difficile estirpare un cancro che si è sottostimato per anni. Facile per molti mettere la testa sotto la sabbia. Doveroso per me parlare, raccontare, gridare che la mafia esiste a Milano e non lasciar passare sotto silenzio questi episodi. La mafia utilizza e si ciba del silenzio. Le parole, per questo, sono in grado di colpirla al cuore più di qualsiasi altra arma. A 20 anni dall’uccisione di Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e don Pino Puglisi, a 30 da quello di Carlo Alberto Dalla Chiesa, e nel ricordo di tutte le altre vittime delle mafie di ieri e di oggi, riflettere sulla presenza della criminalità organizzata nella società italiana è ancora oggi di primaria importanza. Riflettere per documentarsi e sapere, per educare alla legalità giovani e meno giovani, per adottare buone pratiche, a partire da quella seppur banale di rifiutare raccomandazioni e compromessi che rendono più facile la vita. Il cambiamento non può che iniziare da qui. Sta a noi cercare di bonificare, col nostro impegno quotidiano, la Milano che c’è oggi per renderla sempre più uguale alla Milano che desideriamo.

Silvia Morosi

Tag:

3 risposte a “Mafia a Milano!”

  1. […] ripreso da http://www.milanoinmovimento.org e http://www.z3xmi.it __spr_config = { pid: '4ea5a15c396cef102f000041', title: 'MM: MILANO MAFIA. UNA […]

  2. […] Leggi la mia riflessione “Mafia a Milano”, ripresa tra gli altri da Milanoinmovimento.or… Share this:TwitterFacebookLike this:Mi piaceBe the first to like this. Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink. ← Una via in festa UNA NOTTE DEDICATA AI SENZA FISSA DIMORA → […]

  3. maxino ha detto:

    scusa ma non avevo ancora visto questo post su MIM…ma tu da immagino “compagna” se sei interessata a seguire questo sito davvero vedi la magistratura che ha seppellito la generazione degli anni ’70 che aveva tentato l’assalto al cielo sotto decenni di carceri speciali come tuoi compagni di strada? La stessa magistratura che poi ha istituito il maxi processo all’area “autonoma” negli anni ’90 nell’aula bunker di s.vittore prima e ponte lambro poi? Che tante operazioni repressive (1 ogni tot mesi) dispiega ferocemente comminando aggratis tramite i ROS anni di galera a tanti compas anarchici d’azione giusto per tenerli fuori dalle scatole un tot per poi assolverli dopo qualche anno di carcere preventivo tanto sanno che non riconoscendo la giustizia del Dominio mai chiederemo rimborsi materiali o punizioni disciplinari x tutti gli anni che ci hanno fatto passare in gabbia anche solo per scritte, cortei non autorizzati, occupazioni usando i tristemente noti reati associativi e peggio del peggio quel boia di Dalla Chiesa che pur avendo io posizioni molto differenti, arrivando anche allo scazzo, dalle varie autonominatesi avanguardie armate e più in generale dai comunisti autoritari ha fatto uccidere a sangue freddo decine di comunisti ed anarchici e soprattutto è il regista della strage di via Fracchia del 1980 a genova quando 5 militanti bierre vennero uccisi a sangue freddo nel sonno (cosa che se pensi sia io ad esagerare anche giornali come il genovese Secolo XIX che assomiglia a Il Giorno etc non quindi bollettini rivoluzionari hanno confermato con varie inchieste basate su testimonianze dei vicini, su le posizioni di corpi e le traiettorie dei colpi sparati), il boia Dalla Chiesa che torturò migliaia di giovani nelle carceri speciali e nelle caserme (durante il sequestro di un generale Nato a Verona- James Lee Dozier da parte delle bierre. vennero portati in questura centinaia di compagni e alla fidanzata di uno di loro per farlo parlare, sotto i suoi occhi venne più volte violentata con dei razzi!!! E quando scoppiarono rivolte massacrò brutalmente (che in confronto Diaz etc erano schiaffetti) i detenuti ribelli e soprattutto visto che parli di lotta alla mafia e di quell’infame come suo eroe ricorda che cercò di convincere detenuti siciliani, calabresi, napoletani etc legati ai boss più sanguinari ad ammazzare un pò di compagni riottosi nelle galere in cambio di sconti di pena! E per fortuna questo a parte qualche aggressione “leggera” non avvenne….la mafia è solo una parte dello Stato e si combatte combattendo lo Stato non schierandosi con divise e toghe! E come recitava un vecchio adagio anarchico dei primi del ‘900 adattato a questi tristissimi anni “Con le budella di sbirri e magistrati strangoleremo mafiosi e padroni”…se poi vuoi leggerti un pò di testi del Progetto memoria piuttosto che rimanendo a Milano goggla Roberto Serafini piuttosto che Marco Barbone (2 opposti, il primo fucilato a sangue freddo dalle parti di via Novara l’altro in pochi mesi insieme ai suoi compagnucci prima uccise autonominandosi giudice e boia delle masse e arrestato dopo neanche 1 anno ci son voluti più schiaffi per farlo zittire una volta che era diventato un fiume in piena facendo arrestare centinaia di persone che per farlo parlare ma in entrambi c’è lo zampino dell’ineffabile prefetto di ferro)! Non so quanti anni hai ma prima di scrivere certe cose per favore leggetevi i libri e le testimonianze storiche anche di chi momentaneamente è stato sconfitto, non solo quelle del partito unico dell’ordine e del lavoro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.