No amianto! Azione studentesca per denunciare l’inquinamento dell’ex-Galvanica Lorenzi

16699808_1462507783789553_1821313513_n
image-46740
Milano, 11 Febbraio 2017 – NO AMIANTO!

Azione degli studenti e delle studentesse del liceo Gaetana Agnesi per denunciare la presenza di amianto ammalorato nello stabile di via Bazzi 12. Nel primo pomeriggio della giornata di oggi, come studenti e studentesse frequentanti il liceo Gaetana Agnesi di Milano, ci siamo ritrovarti davanti all’ex ditta Arturo Lorenzi per compiere un’azione di denuncia verso la mancata bonifica dell’Eternit danneggiato presente nella copertura del tetto di via Bazzi 12 e per chiedere, nuovamente e con forza, un relativo intervento di messa in sicurezza. Il tutto onde evitare la dispersione di una grande quantità di micro-fibre di asbesto che comporterebbero inevitabilmente dei danni alla salute degli studenti, delle studentesse, dei professori e del personale ATA che frequentano la succursale dell’istituto (più di 700 persone) e, in generale, degli abitanti della zona.

Successivamente ci siamo spostati in Darsena per rendere partecipi del problema il maggior numero di cittadini. Nel 2014, su richiesta dell’associazione genitori “Agnesi per il 300”, l’ASL accertò la presenza di amianto friabile nella struttura e confermò il serio pericolo per l’ambiente e il potenziale rischio per la salute pubblica, emanando, inoltre, una diffida al titolare della proprietà al fine di intervenire per la messa in sicurezza. Contemporaneamente segnalava l’amministrazione comunale come incaricata dell’intervento sostitutivo in caso d’inadempienza del suddetto.

Per colpa della lunga irreperibilità del titolare, condannato anni fa per reati ambientali connessi allo sversamento di rifiuti abusivi nel terreno, non è stato possibile notificargli per parecchio la diffida, quando gli è stata notificata, lo stesso non ha operato. A causa di ciò la competenza è passata al Comune. Ora, nel piano triennale delle opere pubbliche ( 2017-2019), al momento in discussione, è citato lo spazio in esame, assieme ad altri 179, per un progetto di riqualificazione di stabilimenti privati abbandonati e degradati dove sono stanziati 500.000 euro per l’anno corrente. Sappiamo che questo denaro non basterà per tutti gli stabilimenti elencati (soltanto l’incapsulamento dell’amianto nell’ex Arturo Lorenzi dovrebbe costare sui 40.000 euro) e sarà necessario scegliere quelli prioritari. Per questo pretendiamo che via Bazzi 12 faccia parte di questi spazi, tenendo anche conto della particolare locazione. Nell’azione abbiamo avuto anche il supporto di Rete Studenti Milano.

Kollettivo Indipendente Agnesi

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *