Nessuno può mettere le Sberle in un angolo, a meno che non sia il loro angolo

Sudiamo tutte assieme da quasi 3 anni nella palestra di Ri-Make. Abbiamo iniziato in poche, con quasi nessun materiale e idee poco chiare. “Non so quel che voglio ma so come averlo” cantavano i Sex Pistols. Siamo cresciute in numeri e in muscoli, abbiamo stretto alleanze in città portando la boxe fuori dalla palestra e il femminismo negli spogliatoi. Abbiamo appeso le staffe e i sacchi e ci siamo prese cura di questa casa, ma la casa non sono le 4 mura della palestra ma i nostri abbracci e i nostri guantoni.

Milano è preda da tanti anni di una politica neoliberista che come primo scopo ha il profitto, una ricchezza che non viene mai redistribuita e che genera una città fatta di pieni gentrificati e vuoti emarginati. L’intenzionale svendita delle periferie ha portato nel tempo a situazioni dove a comandare è di fatto la logica mafiosa, e la legalità è il dito dietro cui stato e mercato si nascondono in modo strumentale.
Se il binomio legale-illegale è il paravento dietro cui si nascondono gli interessi di poch*, noi rispondiamo con ciò che è legittimo: costruire scenari di liberazione collettiva e individuale attraverso lo sport popolare. Siamo pronte a continuare oltre le barriere della desertificazione urbana.

Se la politica istituzionale cittadina non riconosce lo sport popolare come elemento fondamentale per il benessere psicofisico e sociale di tutt* e decide di demolire gli spazi fisici in cui ci muoviamo, non facciamo passi indietro perché il nostro ring può essere la città intera.

Continueremo ad allenarci assieme, ad aprire luoghi fisici e virtuali e dare nuovi significati al vuoto che lasciate. Cercateci nelle strade, nei parchi e nelle piazze. La nostra nuova casa è ovunque. Se ci vedete in giro unitevi a noi, portateci acqua fresca o offriteci una doccia. E quando ci sarà da ripararsi dal freddo non preoccupatevi che un posto per stare al caldo lo troviamo.

Intanto ci vediamo stasera per un’assemblea aperta alle 18,30 in piazza Giustino Fortunato.

Alle 19,30 ci spostiamo per un’allenamento all’aperto in via del Volga.

A braccia aperte e pugni chiusi,
Le Sberle

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.