Nasce il Giardino degli Angeli, il Cimitero dei Feti – Roma-

A Roma nasce il “Giardino degli Angeli”, alias cimitero dei feti abortiti.
La vicesindaca Belviso appare molto soddisfatta di tale opera perché essa dovrebbe aiutare a genitori del feto a recuperare quello che hanno perduto e ritrovare la serenità dopo la privazione della gioia di crescere un bambino o delle bellezze dell’aver visto quel feto nascere.

Dice anche che l’opera è stata pure chiesta da alcune mamme.
Viene spontaneo chiedersi chi siano le altre persone che vogliono l’opera visto che essa pare non voluta solo dai diretti interessati.

Dice poi che questo cimitero non vuole assolutamente minare la 194, la legge sull’aborto.
…E ci mancherebbe!…

Ok, ma c’è un dettaglio tra le righe, chiamato “sensibilità” da cogliere.

La sensibilità nel senso della Belviso e del PDL è poter andare a trovare il feto del bambino che non hai mai avuto così da avere un simbolo a cui aggrapparti per continuare a ricordare la gravidanza che non hai mai portato a termine.
Questo è un pensiero delirante. L’aborto è eliminazione. A volte mera eliminazione. Nella maggior parte dei casi, però esso genera mancanza, vuoto, dolore. In entrambi i casi, pensare che dare una tomba al feto possa generare serenità o in qualche modo restituire ciò che è stato eliminato è pura astrazione, ma soprattutto è una cosa falsa.
Simbolicamente, poi, è un’impresa crudele. E’ come se si volesse presentare il conto per tutta la vita all’ipotetica mamma ed all’ipotetico papà, con la speranza che “non lo faranno mai più!”. E’ come se come punizione per quello che hai fatto non basta il dolore, ma devi ricordarti di stare male per tutta la vita. E’ come se …
E’ come se stessero cercando di creare proseliti nel realizzare cimiteri di questo tipo..e chissà, fra qualche anno, dopo che avrai abortito, ti sentirai dire: “vuoi che buttiamo il feto nella spazzatura o lo seppelliamo con gli altri bimbi nel Giardino degli Angeli?”

Tag:

3 risposte a “Nasce il Giardino degli Angeli, il Cimitero dei Feti – Roma-”

  1. Alfredo Raiola ha detto:

    "E’ come se come punizione per quello che hai fatto non basta il dolore, ma devi ricordarti di stare male per tutta la vita."

    Togliere la dignità di uomini ai feti abortiti non rende più sopportabile il dolore.
    I figli del diavolo, coloro che sostengono la legge 194, avendo per padre il diavolo fanno il male, non agiscono di certo bene, quindi per far passare il male sotto silenzio combattono I cimiteri degli angeli perchè I genitori che vanno a trovare il feto abortito poi si pentono del male fatto e si riconciliano con Dio, e questo I figli del diavolo non lo vogliono.

    Vale, sei sicura di stare dalla parte giusta?

  2. Alfredo Raiola ha detto:

    “E’ come se come punizione per quello che hai fatto non basta il dolore, ma devi ricordarti di stare male per tutta la vita.”

    Togliere la dignità di uomini ai feti abortiti non rende più sopportabile il dolore.
    I figli del diavolo, coloro che sostengono la legge 194, avendo per padre il diavolo fanno il male, non agiscono di certo bene, quindi per far passare il male sotto silenzio combattono i cimiteri degli angeli perchè i genitori che vanno a trovare il feto abortito poi si pentono del male fatto e si riconciliano con Dio, e questo i figli del diavolo non lo vogliono.

  3. Mi sembra mostruoso!!! :-(

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.