“Love is love” a Tel Aviv…sì, ma i palestinesi?

Proponiamo di seguito la traduzione dell’articolo di Biancamaria Pacci sul pinkwashing israeliano.

TELAVIV IS NOT OUR PRIDE, lo dicevamo nel 2019 e lo ripetiamo anche oggi.

De Gener Azione


Negli ultimi anni Tel Aviv è apparentemente diventata un’oasi di pace e di liberazione del sesso in Medio Oriente. Di conseguenza, la comunità globale LGBTQI+ è doppiamente desiderosa di promuovere la città e il Paese, poiché Israele è l’unico luogo che può offrire una destinazione turistica sicura e divertente dove non solo la queerness è accettata, ma anche fortemente promossa e galvanizzata. Ogni anno Tel Aviv ospita probabilmente uno dei più vivaci e coinvolgenti gay pride del mondo, rendendo New York e San Francisco invidiose e marginali per il movimento LGBTQI+. Basta digitare “Tel Aviv” su Youtube e i primi risultati che appariranno saranno sicuramente abbondanti di bandiere arcobaleno e con sei ragazzi che ballano sul retro di un tecno-bandwagon. La pletora di blogs e di canali Youtube che promuovono Tel Aviv sta prendendo d’assalto il web, e non è affatto difficile imbattersi in affermazioni come questa:

È fantastico vedere che la gente qui intorno è tutta pacifica e capace di essere se stessa, è una cosa davvero bella da vedere… specialmente da qualche parte nel Medio Oriente”. Sì, è vero che la comunità dei gay ha trovato un paradiso sicuro in Medio Oriente, ed è anche vero che “l’amore è amore” e che non ci sono barriere da temere su quella striscia di costa del Mediterraneo. Eppure, vale la pena chiedersi se la ragazza con gli occhiali da sole a forma di cuore e il boa con le piume rosa nel video intendesse davvero che “la gente qui intorno è tutta per la pace e capace di essere se stessa” o se fosse semplicemente all’oscuro dei gay palestinesi – i gay dimenticati di Tel Aviv. Come mostra il film The Bubble, essere un queer palestinese a Tel Aviv non è facile; il razzismo che gli arabi devono sopportare all’interno dei circoli queer è un problema endemico anche all’interno della bolla progressista queer-frendly. I palestinesi, dentro e fuori Israele, soffrono molto della logica del check-point dell’apartheid che si increspa in tutti gli strati delle interazioni sociali. (Ritchie, 2015 ) ci racconta i molti casi in cui i cittadini arabo-israeliani sono stati “rimbalzati” all’ingresso dei club gay per il solo motivo di essere arabi. La logica del check-point di bloccare i palestinesi sulla strada per Nablus o Haifa rimane una realtà anche all’interno della scena dei club gay, che secondo la signora con gli occhiali a forma di cuore, dovrebbe essere ”tutta in pace e [la gente] in grado di essere se stessa”. I buttafuori decidono chi far entrare nel club in base a criteri soggettivi, dove il più delle volte l’arabità è il fattore determinante per essere ” respinti”. Il colore della pelle, un piccolo twang nell’accento o un nome arabo sulla carta d’identità sono canoni sufficienti per negare l’accesso al club. Ma se riescono a entrare, le logiche della discriminazione ostacolano ancora il divertimento degli arabi israeliani o dei palestinesi gay, perché a volte anche i baristi possono essere riluttanti a servirli. Nel suo stesso racconto, Ritchie riporta le parole di una barista israeliana: “Non è razzista, semplicemente non pagano, e se lo fanno, non lasciano mance”. Per i gay palestinesi lo stigma dell’arabismo è quindi un ostacolo costante al divertimento e all’espressione di sé, che sfida l’immagine fittizia di Tel Aviv, dove ”essere in pace e saper essere se stessi” diventa una sfida costante per certi soggetti queer. Anche all’interno del primo sito di incontri gay israeliano ”Atraf”, dichiarare la propria etnia è un criterio obbligatorio, mentre nasconderla spuntando la casella ‘’preferirei non dichiarare” significa automaticamente ‘arabo’. Poiché gli arabi sono virtualmente esclusi dal processo di gayficazione di Israele, in quanto arabi queer su un sito di incontri è facile incontrare affermazioni come questa ”Scusa, gli arabi non sono il mio tipo” o ”Sei arabo, ma sei pulito? (Ritchie, 2015) Il cyberspazio degli incontri gay diventa così un altro sito di discriminazione dei palestinesi, indipendentemente dalla loro queerness. Purtroppo, la realtà della bolla di Tel-Aviv rivela alcune brutte contraddizioni, e con un occhio più attento si può facilmente discernere la dura verità, che il queer ‘arcobaleno’ racchiude tutti i colori tranne il ‘marrone’.

Mentre il turismo gay inonda le strade di Tel Aviv tutto l’anno, e milioni di Shekles sono devoluti a fregiarsi dell’afflusso turistico, le realtà di LGBTQI+ al di fuori di Tel Aviv sono ancora sul filo del rasoio. Mentre da alcune delle politiche pro-gay che Israele sta perseguendo, il Paese sembra essere notevolmente progressista, l’omofobia è ben lontana dall’essere sradicata. La comunità harediana, ovvero gli ebrei ultraortodossi, che seguono la Hachala (legge ebraica), hanno una ferma opinione riguardo agli omosessuali che più o meno si trova in questa situazione: (Levitico 20:13,) “Se un uomo giace con un uomo come con una donna, entrambi hanno commesso un abominio; saranno messi a morte; il loro sangue è su di loro”. Anche se questo non è affatto l’atteggiamento generale del governo israeliano, per un ramo di esso, cioè la Knesset (il Parlamento israeliano), questa posizione è ancora valida. Come dimostrano i fatti, la Knesset ha ostacolato la maggior parte delle leggi che avrebbero dovuto concedere diritti alla comunità LGBTQI+. La lotta dei gay israeliani è tutt’altro che finita. A parte Tel Aviv, le realtà della queerness non sono così liberali come sembrano, infatti ogni anno alla gay pride di Gerusalemme si svolge un contro-corteo in cui alcuni ebrei ultraortodossi lanciano uova ai manifestanti e mettono in mostra striscioni con la scritta “Siete subumani”. Alla luce di ciò, ci si può chiedere perché Israele sia così ansioso di promuovere se stesso come pioniere dei diritti dei gay in Medio Oriente, mentre sta ancora lottando per ottenere i diritti dei gay all’interno della sua legislazione e tra il suo consenso civile. Mentre si guarda al lavoro di studiosi e attivisti, ci si comincia a chiedere se la promozione schietta di un “Israele gay-friendly” sia effettivamente interessata a LGBTQI+. Se l’omosessualità fosse il criterio determinante per far parte della bolla dell’arcobaleno di Tel Aviv, difficilmente troveremmo un caso di discriminazione nei confronti dei palestinesi gay – cosa che purtroppo non avviene.

In questo senso, se essere palestinese è già un fattore determinante per essere discriminati, non solo essere gay non lo allevia, ma aggiunge solo un altro strato di disuguaglianza.

Ma se la queerness non è necessariamente un criterio per essere accettati nella società israeliana, perché Israele è così preoccupato per i diritti LGBTQI+? Purtroppo, la risposta è piuttosto tetra. Poiché il governo israeliano era così preoccupato della sua immagine assertiva e conflittuale in tutto il mondo, il modo più semplice per uscire dall’onnicomprensivo e noioso militarismo è stato quello di fare appello alla comunità gay di tutto il mondo per ridefinire la sua immagine. La promozione dei diritti LGBTQI+ e del turismo gay rientra nel progetto “Brand Israel”, orchestrato dall’ambasciatore sionista USA-Israele Ido Aharoni… L’idea di un totale rifacimento dell’immagine di Israele ci porta a chiederci perché il Paese voglia apparire così disperatamente progressista agli occhi dell’Occidente, mentre la ferma opposizione all’omosessualità suggerisce il contrario. Ebbene, proprio perché Israele non è ”tutto per la pace” e anzi è coinvolto in un’oppressione a oltranza del popolo palestinese, la necessità di apparire divertente, figo e strano ha tanto più senso.

Con l’ascesa del movimento filopalestinese del BDS (Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni) e il generale dissenso per il sionismo, lo Stato di Israele è andato gradualmente acquisendo una connotazione diabolica e dispotica agli occhi della sinistra occidentale. In questo contesto Ido Aharoni può aver pensato ingegnosamente: perché non dare alla sinistra ciò che la sinistra vuole, i diritti dei gay! Purtroppo per lui, la sinistra radicale è ampiamente abituata a questi tentativi neoliberali di ”Pinkwashing” dei diritti gay, ma per la sinistra più conservatrice e liberale questo stratagemma sembra aver funzionato bene. Infatti, il rifacimento di Tel Aviv come la (autoproclamata) ”capitale gay del Medio Oriente” è incredibilmente efficace nell’eclissare i crimini di Israele sul popolo palestinese e nel giustificare la sua presenza nella regione come ‘Pioniere dei diritti umani”.

L’amore a Tel Aviv non è per tutti, poiché i palestinesi incontrano nei club e nei siti di incontri le stesse logiche di oppressione e discriminazione che trovano ai check-point. L'”omosessualità” di Israele non solo esclude l’arabismo, ma è specificamente fabbricata contro gli arabi e i palestinesi per giustificare la loro oppressione. “L’amore è amore” è il motto di Tel Aviv… ma che dire dei palestinesi? Non hanno il diritto di amare, di accedere a siti di incontri senza vergognarsi di essere arabi, senza essere respinti dalle guardie di sicurezza e senza bisogno di “farla finita”? Non hanno il diritto di fare rave sulla spiaggia e baciare un lui, una lei o loro? Finché l’occupazione persiste, potete stare tranquilli: non è così.

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.