Case popolari – MM decide di non consegnare più la posta agli occupanti abusivi

14203010_10211124708902206_1619369059_oContinua la stretta di MM nei confronti degli occupanti abusivi.

Come già detto più volte, la passata Giunta ha deciso di far gestire il patrimonio di edilizia pubblica di proprietà comunale a MM sottraendo il controllo ad ALER.

MM sta perseguendo una linea che i suoi dirigenti definiscono di razionalizzazione ed efficienza nella gestione delle case popolari. Il tutto per distaccarsi dalla gestione ALER generalmente nota per i suoi buchi neri nei conti, la sua inefficienza e le sue assunzioni clientelari.

Come spesso capita però, nei cosiddetti processi di “razionalizzazione” sono i più deboli ad essere colpiti e i diritti a uscirne pesantemente intaccati. Questa dinamica coinvolge tutti gli ambiti del sociale: dai luoghi di lavoro alla sanità passando per la scuola e non risparmi quindi il diritto all’abitare.

Peccato quindi che questo voglia dire il proseguire la guerra già in atto ai tempi della gestione ALER contro gli occupanti abusivi. Poco importa che la fame di case popolari a Milano sia in continua crescita e poco importa il continuo aumento delle sacche di sofferenza economica e disagio sociale.

Oltre agli sgomberi portati avanti da vere e proprie task-force l’ultima decisione agostana di MM è quella di non far più consegnare la posta dai custodi agli occupanti abusivi. Ad avvisare gli abitanti della decisione di MM ci pensano dei cartelli appesi nelle portinerie degli stabili.

Poche le eccezioni previste. Chi occupa un appartamento MM potrà vedersi consegnare solo: atti giudiziari, comunicazioni di MM e del Comune.

Unione Inquilini e comitati per il diritto all’abitare sono sul piede di guerra e già prevedono che questa decisione estiva creerà inevitabili tensioni all’interno delle case popolari e tra inquilini e custodi.

Dal lato di MM e Comune si assicura che verrà vagliata ogni singola posizione, ma questo ritornello lo si sente ripetere anche nei casi si sgombero quando spesso e volentieri, a finire sulla strada sono famiglie realmente bisognose.

Tag:

Una replica a “Case popolari – MM decide di non consegnare più la posta agli occupanti abusivi”

  1. […] ai primi di Settembre avevamo trattato la questione della scelta di MM di non consegnare più la posta agli occupanti abusivi. Ora iniziano a presentarsi le prime conseguenze di questa […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.