Escalation Tour: Critical Tour “Milano sgomberata”

21 sono gli spazi sgomberati dall’insediamento della giunta Pisapia. 21 spazi sociali sparsi in tutta la città, tutti accomunati dallo stesso destino, sotto il “vento cambiato” della giunta arancione.

Ieri, sabato 13 settembre, si è svolta come parte dell’Escalation Tour una biciclettata: 21 sarebbero stati davvero troppi, anche per i 200 intrepidi pedalatori che vi hanno preso parte! Il punto di partenza non poteva che essere , ovviamente, Palazzo Marino, su cui sono stati appesi striscioni per ricordare la triste politica del comune sugli spazi sociali. Animata da un carretto con musica e casse, quindi, la Massa è partita da qui per il suo Critical Tour.

A seguire, dopo un breve giro in Brera, il primo traguardo volante è stato Palazzo Citterio, occupato da collettivo Macao dopo la torre Galfa: il primo fu sgomberato con la promessa di imminenti ristrutturazioni, la seconda su ordine diretto dei Ligresti. Ovviamente, entrambi gli edifici a tutt’oggi giacciono vuoti e inutilizzati.

Si è quindi cambiato decisamente zona e, dopo aevr attraversato Corso Venezia e Buenos Aires, ci si è diretti verso Città Studi: qui, poche settimane fa è stato sgomberato il Lambretta. Già una volta le villette dell’Aler erano state oggetto di sgombero, ed erano rimaste vuote e inutilizzate. Questa volta, il dubbio sul loro destino è più ampio: abbandono o speculazione?

Percorrendo la circonvallazione, e superando un primo, durissimo cavalcavia, la Critical Mass è passata davanti alla nuova sede di Macao in viale Molise, per fare quindi tappa al cinema Maestoso di Piazza Lodi, occupato da Ri-Make: anche questo sgomberato, su richiesta della proprietà, e anche questo vuoto e inutilizzato.

 

Quindi, la tappa decisamente più dura: dopo il Gran Premio della Montagna di prima categoria del Parco Ravizza, infatti, il gruppo era atteso dalla prova del cavalcavia di Piazza napoli, GPM fuori categoria. Superato indenni anche questo scoglio, abbiamo raggiunto l’Ardita Pizzeria del Popolo in via Cola di Rienzo. Probabilmente già immaginate cosa sia successo all’edificio: sgomberato, e ancora totalmente inutilizzato!

Dopo una tappa così stancante, finalmente, il tanto sospirato traguardo, con punto di ristoro: si arriva infatti in via Santa Croce, sede di ZAM, sgomberato a luglio e recentemente messo a bando – ma leggete come, perché è un bando che dice, e non dice, molte cose… A ZAM, fortunatamente, la Massa ha trovato un punto ristoro allestito con rinfreschi e cibo, per rinfrancarsi dalle fatiche della giornata: oltre 3 chilometri di Tour, toccando meno di un quarto degli spazi sgomberati sotto questa giunta. Il tour si è quindi concluso, ma davanti a ognuno degli spazi toccati è stato lasciato un ricordo: una scritta per ricordare da che data lo stabile giace vuoto e inutilizzato!

Tag:

Una replica a “Escalation Tour: Critical Tour “Milano sgomberata””

  1. […] seconda settimana, inforcate le bici, abbiamo fatto un bel giro tra gli spazi sgomberati dal successo della moda arancione… uno?… due? No, VENTUNO! Noi ne abbiamo visitati solo […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *