Partigiani in Ogni Quartiere si fa festival

volantini-04
image-36055
Milano, 25 Aprile 2015
– Partigiani in Ogni Quartiere arriva al suo ottavo anno di esistenza e, in occasione del Settantesimo anniversario della Liberazione, mette in campo un progetto ancora più ambizioso: il primo festival delle culture antifasciste milanese.
La rete decide di trasformare la sua solita kermesse del 25 Aprile in una quattro giorni più articolata:
http://poq.noblogs.org/.

Ma facciamo un excursus storico sul percorso di questi otto anni, che ha portato alle iniziative di quest’anno al Parco di Trenno.

POQ nasce ufficialmente in 25 Aprile 2008, con una prima grande iniziativa nella piazza del Cimitero Maggiore, a pochi passi dalla Cascina Torchiera.
In realtà, a ben vedere, la vera origine si Partigiani in Ogni Quartiere va datata all’Aprile dell’anno precedente con l’inizio della battaglia contro l’insediamento di Cuore Nero in quartiere. Dopo l’incendio della sede dei neofascisti, l’estrema-destra milanese cercò di organizzare una grossa iniziativa di piazza in Viale Certosa contrastata dalla mobilitazione di centinaia e centinaia di antifascisti.

Stessa dinamica avvenne ai primi di Settembre del 2008, quando ci fu la riapertura di Cuore Nero in Via Pareto. Anche in quel caso gli antifascisti scesero in piazza e ci furono tensioni con le Forze dell’Ordine.

Non erano anni facili per l’antifascismo a Milano, la repressione seguita agli scontri dell’11 Marzo 2006 in Corso Buenos Aires nel tentativo di fronteggiare il corteo della Fiamma Tricolore era stata dura ed aveva reso difficoltose le mobilitazioni. Tuttavia la dimensione aperta di POQ riuscì ad allargare la partecipazione oltre a quella tradizionalmente militante.

Nel Settembre 2008 ci fu il grande concerto hip-hop a Quarto Oggiaro, in una serata che in quartiere viene ancora ricordata come “memorabile”.

Da lì seguirono anni di iniziative ed intervento nei quartieri periferici della città.
A Bonola nel 2009, a Gratosoglio nel 2010, in Corvetto nel 2011, in Giambellino nel 2012, al Parco della Martesana (tra Viale Monza e Viale Padova) nel 2013 per ritornare davanti a Torchiera l’anno scorso.

Quest’anno, in un clima che vede una crescere delle iniziative dell’estrema-destra con banchetti nei quartieri popolari, aggressioni fuori dalle scuole ed iniziative omofobe ed antiabortiste, il valore di POQ è ancora maggiore.

Le iniziative di Partigiani in Ogni Quartiere di questo 2015, a pochi giorni dall’inaugurazione di Expo, avranno non a caso come palcoscenico il Parco di Trenno. Uno dei parchi maggiormente minacciati dai progetti di Expo ed uno dei luoghi dove è andata in scena con maggior forza la battaglia dei No Canal contro le Vie d’Acqua.

Questi giorni serviranno a connettere quelle che sono le culture antifasciste, agendo quella che è l’esigenza che ci impone la fase che stiamo vivendo: la resistenza come esercizio quotidiano.
Buon festival delle culture antifasciste!

manifesto-02-1
image-36056

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *