Processo Ferrulli – 4 poliziotti assolti “il fatto non sussiste”

Il 30 giugno 2011 muore in via Varsavia, periferia sud est di Milano, Michele Ferrulli manovale di 51 anni.

IMG_0770
image-54253
Michele era in compagnia di alcuni amici e stava ascoltando della musica in mezzo alla strada, un abitante di un palazzo ha chiamato la polizia disturbato dal rumore.
All’arrivo delle volanti c’è stata una colluttazione e Michele muore, un video riprende un pestaggio.
Quattro poliziotti vengono indagati, Francesco Ercoli, Michele Lucchetti, Roberto Stefano Piva e Sebastiano Cannizzo.
La famiglia Ferrulli nel corso degli anni, pubblicamente e nelle aule di tribunali ha sempre chiesto verità e giustizia per il loro caro ucciso in quella circostanza.
Sono passati sei anni e purtroppo dopo anni di vessazioni e umiliazioni nei confronti della famiglia Ferrulli dentro le aule del tribunale di Milano, probabilmente certi della loro impunità i quattro poliziotti sono stati assolti in tutti i gradi di giudizio.


Il comunicato di ACAD (Associazione contro gli abusi in divisa):

PROCESSO FERRULLI 
L’Avvocato Ambrosetti ci ha appena informati della decisione presa dalla Cassazione.
Confermate le assoluzioni “perché il fatto non sussiste” dei 4 poliziotti sotto processo per la morte di Michele Ferrulli, il manovale di 51 anni deceduto a Milano la sera del 30 giugno 2011, mentre gli agenti delle volanti lo ammanettavano a terra.
La quinta sezione penale ha rigettato i ricorsi presentati dalla Procura generale milanese e dai familiari di Ferrulli, parti civili nel processo, contro la sentenza emessa dalla Corte d’assise d’appello di Milano il 23 maggio 2016.
I 4 poliziotti sono stati assolti in tutti i gradi di giudizio.
Ci stringiamo attorno all’ennesimo dolore della famiglia Ferrulli.
Michele, oggi, muore ancora.
La giustizia, anche.

Il video di quella terribile notte del 30 Giugno 2011

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *