Assessori e parlamentari alla festa annuale dei neofascisti di Lealtà Azione

 

Per la prima volta dalla liberazione del nazifascismo un partito di governo (Lega – Salvini premier) partecipa in modo organico a una iniziativa organizzata da una formazione di chiara ispirazione neonazista, con legami con l’area Hammerskin europea e del suprematismo americano.

Due assessori regionali e numerosi parlamentari saranno infatti ospiti e relatori alla “Festa del Sole 2018”, l’annuale raduno dei gruppi che fanno riferimento a Lealtà Azione, che si svolgerà ad Abbiategrasso nello spazio comunale della Fiera di via Ticino 72.

Lealtà Azione si è distinta in diverse occasioni in episodi di apologia del fascismo, la più recente in Piazzale Loreto in una manifestazione non autorizzata per un saluto romano in ricordo di Benito Mussolini la sera del 29 aprile scorso.

Esponenti di Lealtà Azione, così come pubblicato in vari articoli sulla stampa nazionale, hanno avuto contatti con esponenti della criminalità. Numerose inchieste, fa le quali una recente dell’Espresso hanno indagato sulle connessioni tra questo gruppo e la malavita, in particolare in Brianza.

Non comprendiamo come un partito di governo, che esprime il Ministro dell’Interno, possa partecipare con diversi esponenti a una iniziativa promossa da una formazione in netto contrasto con la nostra Costituzione, così come leggiamo nella locandina.

All’iniziativa saranno presenti diversi personaggi di spicco della giunta Regionale Lombarda presieduta da Attilio Fontana che si è già distinto per la sua frase sulla razza bianca durante la campagna elettorale.
Tra gli invitati anche l’assessore regionale di Forza Italia Giulio Gallera che ha preso parte più volte, come rappresentante delle istituzioni, alle commemorazioni del 25 aprile.

Riteniamo che il Ministro dell’Interno, oltre a proseguire con la sua campagna elettorale e dedicarsi a seminare odio, dovrebbe occuparsi di chi viola costantemente le leggi italiane e la Costituzione sulla quale ha giurato e che probabilmente non ha mai letto.

Siamo in attesa di un risveglio da parte dei partiti dell’opposizione presenti in Consiglio Regionale, per chiedere di esprimersi su questa sorta di patrocinio a una festa dove non mancano richiami a certe ritualità del passato legate alla mitologia nordica, tanto amata dai nazisti.

da Memoria Antifascista

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.