ALDO DICE 26X1 NON SI SGOMBERA! Firma la petizione

ALDO DICE 26X1 NON SI SGOMBERA!

IL RESIDENCE SOCIALE ALDO DICE 26X1 DEVE CONTINUARE A VIVERE.

Uno stabile di nove piani, che doveva ospitare uno studentato universitario, dopo essere rimasto vuoto per otto anni in stato di completo abbandono e preda della criminalità, che lo ha usato per anni come centro di spaccio di eroina, è stato trasformato in residence sociale per poter ospitare in modo dignitoso famiglie e persone senza casa in attesa di un alloggio popolare.

Oggi il residence ospita 71 nuclei familiari tra cui 66 minori più altri 11 che, avendo i genitori separati, vengono in visita nei fine settimana e per le festività, 94 adulti di cui 11 invalidi, una donna in avanzato stato di gravidanza per un totale di 174 persone a cui le istituzioni preposte, in particolare il Comune di Milano, non sono riuscite a dare una risposta concreta e dignitosa .

Decine di famiglie nelle 3 sedi che ha avuto il progetto, hanno avuto il tempo di ottenere un alloggio popolare , senza dover subire lo spettro della strada o lo smembramento familiare , lasciando il posto ad altre famiglie in situazione di bisogno RENDENDO IL PROGETTO STESSO “RISOLUTIVO”.

11 ex-senzatetto gestiscono fisicamente il progetto, mentre decine di volontari, coordinati dall’Unione Inquilini si occupano di tutto l’iter burocratico fino al raggiungimento dell’obbiettivo “CASA” .

Corsi gratuiti , spazi sociali aperti al quartiere, musicisti internazionali che offrono attraverso di noi la propria arte, regalando emozioni gratuite a chiunque suona il campanello.
Una trattoria popolare che serve un pasto completo, bevande incluse a 5 euro…..sempre!

In una situazione nella quale le istituzioni , in primo luogo il Comune di Milano , non riescono a dare soluzioni dignitose alle famiglie sfrattate neanche nel caso di presenza di minori o persone invalide, “ALDO DICE 26X1” sta dando una risposta innovativa ed a costo zero per la collettività all’emergenza abitativa ed assistenziale.

Diciamo no alle ipotesi di sgombero del Residence Sociale richiesto dal curatore fallimentare, perché si aggraverebbe l’emergenza abitativa e assistenziale a Milano e lo stabile tornerebbe tra le grinfie infide e truffaldine del malaffare.

Non solo vanno garantite soluzioni alloggiative stabili e dignitose a tutte le famiglia ora ospitate in via Oglio, ma va garantita la continuità di un progetto che è servito in questi anni ad alleviare l’emergenza abitativa a Milano, facendo quello che altri, in particolare il Comune avrebbe dovuto fare.

Chiediamo a tutti i cittadini, a tutte le realtà associative, a tutte le forze politiche e sindacali di dare il loro sostegno ad “Aldo dice 26×1” firmando questo appello.

Ecco la petizione online:

https://www.petizioni24.com/aldo_dice_26_x_1_non_si_sgombera#form

Ecco le prime firme collettive:

Milano in Movimento

CSOA Lambretta

Casc lambrate

Lume- Laboratorio universitario metropolitano

Black Panthers

Collettivo Manzoni Antagonista

Collettivo Autonomo Donatelli

Brigata Dax

Collettiva Ambrosia

Piano Terra

Leoncavallo SPA

RiMaflow, fabbrica recuperata Trezzano s/N

Ri-make spazio recuperato

CAAB Collettivo Autonomo Barona

Stare al Galla

Act-Milano

Memoria Antifascista

KAP- Bergamo

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.