Viaggio nella cultura Rom – VideoIntervista a Paul Polansky

Antropologo, poeta e scrittore, già intermediario in Kossovo per le Nazioni Unite, Paul Polansky è noto per il suo impegno nella difesa dei diritti umani del popolo Rom.

A vent’anni circa scappa dagli Stati Uniti, dove è nato, per evitare il reclutamento nella guerra del Vietnam. Approda così in Europa, dove avrà i primi contatti con la cultura Rom.

Ha vissuto per anni nei campi, raccogliendo storie, narrazioni orali, disegni e musiche della cultura Rom. «Questo popolo è custode di tradizioni antiche 5 mila anni, che sono alla base della nostra cultura. Eppure noi riusciamo a chiamare i Rom “ignoranti” e “incivili”. Loro, a cui invece dovremmo essere estremamente grati».
MilanoInMovimento, con la collaborazione di Mahalla, vi regala un viaggio nella cultura Rom attraverso lo sguardo di Paul Polansky. Senza risparmiare critiche alla comunità internazionale nella gestione del cosiddetto “gipsy problem”.

“I heard Italians

Used to be called

Parasites, thieves,

Mafia, uneducated

With no culture

When they escaped

From Italy to NY

A hundred years ago.

 

Why can’t Italians see 

The Balkan Roma today

Are off the same boat?” P.P.

 

Guarda la video-intervista.

 

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.