“L’ombra del fuoco” – Il romanzo dei 71 giorni infuocati della Comune di Parigi

Recensione del romanzo di Hervé Le Corre pubblicato per E/O.

Sono i giorni della Comune di Parigi nel 1871. I borghesi hanno lasciato la capitale e nelle strade ci si stringe la mano con pacche sulle spalle chiamandosi ‘cittadino’ e ‘compagno’.

In uno stanzone giacciono a terra feriti e moribondi, uomini con monconi di gambe e corpi gonfi di gas. In una sala le donne della Comune parlano di emancipazione, diritto di voto, uguaglianza e finiscono per intonare “La Marsigliese”. Un fotografo nel suo studio pensa alla sua ricca clientela fuggita da Parigi mentre sfrutta le luce per inquadrare una giovane modella stesa sul letto. Un uomo dal viso devastato da una profonda ferita osserva i disordini nelle strade della capitale immaginando la carneficina che avverrà quando le truppe di Thiers sfonderanno le difese della Comune e penetreranno nella città. La Guardia Nazionale che difende le trincee dall’assalto dei versagliesi, i colpi dei cannoni che fanno vibrare i timpani e, tra i lamenti delle vittime, c’è anche il corpo di un giovane italiano e una camicia rossa nello zaino.

Un romanzo storico o un romanzo criminale? Nella prosa dell’autore riviviamo lo scontro furioso, tra colpi di cannoni e assalti all’arma bianca, degli ultimi giorni della Comune. In quelle stesse strade dove combatteranno i comunardi per la libertà avvengono trame criminali compiute da tre uomini di cui uno può essere paragonato all’annuncio della morte: spaventa la gente con la sua sola faccia. Ma un male più grande avvolge tutti i cittadini della città ribelle, la guerra fratricida che dai sobborghi di Parigi avanza inesorabilmente verso le porte della città.

Per comprendere la gloria e il dramma dei comunardi serve ripetere una frase contenuta nelle ultime pagine di questo libro ‘Eppure era bella, questa repubblica vera…’. É durata poco, ma nei secoli successivi il mondo ha sempre ricordato le giornate della Comune e l’ideale che l’aveva ispirata, ha creduto al suo significato.

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.