[DallaRete] Alla Innse divieto di commemorare gli operai caduti nella Resistenza

Lapide partigiani
image-42956
Innse di Via Rubattino. Gravissima decisione dei vertici aziendali che vietano all’Anpi di Milano di entarare in fabbrica per commemorare i lavoratori dell’Innocenti caduti per la libertà.

Il 10 Marzo 1944, quindici lavoratori della fabbrica Innocenti furono arrestati dalle SS e deportati nei lager, la loro “colpa” era di aver partecipato allo sciopero del 1 Marzo 1944. Dodici morirono nei campi di sterminio nazisti .

All’interno della Innse di Milano c’è una lapide per ricordarli. Da sempre, in occasione del 25 Aprile, in Via Rubattino si svolge una cerimonia di commemorazione.

Da sempre ma, secondo i vertici aziendali, non quest’anno.

All’Anpi di Milano, nella persona del suo presidente, è giunta oggi una telefonata della dirigenza aziendale che di fatto vietava ai rappresentanti dell’Associazione Nazionale Partigiani di Italia l’accesso in fabbrica per lo svolgimento della cerimonia programmata per domani, martedì 19 Aprile.

Alla Innse è in corso una vertenza sindacale aspra. Ma non esiste distanza tra le posizioni in campo e durezza del confronto che possa giustificare il divieto al ricordo di chi ha dato la vita per la libertà e la democrazia.

Il gruppo dirigente della Innse ha passato il segno. Noi domani mattina saremo in Via Rubattino a ricordare i lavoratori della Innocenti caduti per la libertà così come saremo in piazza il 25 Aprile.

Milano, 18 Aprile 2016

http://www.fiom.milano.it/showPost.php?id=1259

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *