No G20: ancora in carcere ad Amburgo 55 attivisti/e


foto-arresti-Amburgo
image-50479

Restano in carcere 55 attiviste e attivisti fermati durante le iniziative contro il G20 di Amburgoo durante i successivi rastrellamenti polizieschi, che aveva portato complessivamente a 290 fermi. Circa la metà delle persone ancora in carcere sono tedesche, mentre gli altri sono italiani, francesi, baschi e greci.

Confermato per il momento il carcere anche per sei compagni italiani. Gli avvocati del Legal Team stanno presentando le domande di scarcerazione in attesa del processo, che potrebbe cominciare tra alcune settimane.

Gli attivisti italiani ancora in carcere in Germania sono genovesi (due), bellunesi (due) e due catanesi.

I giudici si riserveranno di rispondere a queste istanze nei prossimi 10 giorni. Continuano intanto i controlli ai danni, in particolare, di italiani e francesi che si recano all’aeroporto di Amubrgo in queste ore per prendere voli verso i rispettivi paesi.

Per chi cercasse informazioni sulle persone ancora trattenute ad Amburgo il Legal Team ha attivato una linea telefonica: +49(0)4043278778.

L’intervista a  Maja Beisenherz, avvocata del Legal Team NOG20 di Amburgo, che presta supporto legale alle persone ancora in carcere in Germania.

Ascolta o scarica qui

da Radio Onda d’Urto

Pubblicato da Matteo, il 13 luglio 2017 alle 12:01

Speak Your Mind

*