29 aprile antifascista – qualche riflessione

29 aprile: più di 1.000 in corteo, ma qualcosa va ripensato.

Gli antifascisti
La manifestazione si concentra alle 18,30 in piazzale Loreto di fianco al monumento dedicato ai 15 partigiani fucilati dai fascisti su ordine nazista il 10 agosto ’44 dopo che in mattinata, dalla Questura, era arrivata la comunicazione del divieto su alcuni tratti del percorso richiesto dagli antifascisti e in particolar modo il tratto centrale in viale Lombardia e quello finale in Ferravilla/Novelli.
Il corteo antifascista, gonfiatosi dopo la partenza (ma che ha anche risentito del lunghissimo ponte che ha portato alla chiusura di moltissime scuole riducendo quindi la partecipazione studentesca di solito numerosa in queste occasioni) e che ha raggiunto la sua massima consistenza durante l’attraversamento del Casoretto e il passaggio davanti a via Mancinelli dove il 18 marzo 1978 Fausto e Iaio caddero assassinati sotto il piombo fascista, si è concluso all’incrocio tra viale Romagna e via Pascoli dove iniziava il tratto vietato dalla Questura bloccato da un gigantesco schieramento di Forze dell’Ordine che chiudevano il vialone con un muro di camionette e schieramenti anche nelle vie laterali. Dopo circa un’ora di stallo gli antifascisti sono ripartiti in corteo muovendosi verso piazzale Piola dove la manifestazione si è conclusa. Dopo alcuni anni durante i quali il corteo antifascista non si è svolto vista la commemorazione statica dei fascisti alla chiesa di viale Argonne questa nuova manifestazione è stata importante anche se distante dai numeri massimi di partecipazione raggiunti il 29 aprile 2014.

I fascisti
Dopo una escalation di piccole e grandi provocazioni a monumenti o luoghi della Resistenza in tutta la città, siamo arrivati alla serata del 29 aprile e all’annunciata piazza nera.
Com’è noto i gruppi giovanili promotori dell’iniziativa (Lealtà Azione, CasaPound e Forza Nuova) avevano continuato a rimarcare che ci sarebbe stato un corteo, confermando l’appuntamento di Piazzale Susa e ribadendo su manifesti, profili Fb e siti d’informazione d’area che non si sarebbero attenuti al divieto. Il tutto accompagnato da continue dichiarazioni ambigue di esponenti istituzionali locali e nazionali di Fratelli d’Italia e della Lega.
I fascisti si sono quindi concentrati in un migliaio direttamente nella piazza ma sul lato di Viale Romagna dove ci sono state due lievissimi contatti con lo schieramento di polizia in cui si è contraddistinta unicamente CasaPound Italia (CPI) capitanata da Gianluca Iannone e Francesco Polacchi (ormai il leader della sua organizzazione in Lombardia).
A questo tentativo di attirare i media su di sé è immediatamente seguita una lunga trattativa con la Questura portata avanti per circa due ora dall’on. Carlo Fidanza (Fratelli d’Italia) e dal Consigliere regionale Max Bastoni (Lega e vicinissimo a Lealtà Azione).
In conclusione, a tarda serata, è stato consentito dalla Questura ai fascisti di arrivare alla lapide/murales dedicata a Sergio Ramelli in via Palladini con un lungo giro sul marciapiede e in strada; lì si è svolto il consueto rito del ‘presente’.

In conclusione
La mobilitazione antifascista messa in piedi in pochissimi giorni è riuscita a mettere insieme un corteo dignitoso (anche se inferiore alle aspettative) che in parte ha creato una forma di pressione politica e pubblica in grado di disinnescare il clima favorevole allo svolgimento delle iniziative nere.
E’ evidente però che questo non basta di fronte ad una controparte che, seppur in rari momenti d’unità d’intenti, si sta dimostrando sempre più vitale, abile e numerosa; soprattutto in vista di una campagna elettorale che vedrà nuovamente i fascisti (in particolare CasaPound) essere presenti nelle piazze.

Non può che seguirne una profonda riflessione sulle strategie di mobilitazione e un inevitabile ripensamento delle strutture di coordinamento del fronte antifascista cittadino davanti ad una galassia fascista milanese sempre più radicata e ormai capace di gestire e sostenere il piano politico complessivo e l’utilizzo del mediatico.

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.