Il Lambretta è tornato!

Liberato uno spazio in via Edolo 10.“Non finisce qui!”.

L’avevano promesso in quel caldissimo 31 luglio, giorno dello sgombero con sequestro preventivo dello stabile di via Val Bogna e sono stati di parola. Il Lambretta ha appena ripreso casa in via Edolo 10 in zona Stazione Centrale!

Se pensiamo a quella mattinata di luglio, al surreale spiegamento di forze messo in campo per eseguire lo sgombero (addirittura due elicotteri!) e a quanto Salvini aveva gongolato un pensiero (e una pernacchia) non può che andare al Ministro dell’Interno. Un’occupazione, quella di oggi, che assume ancora più valore perché fatta a pochissimi giorni dall’approvazione del Decreto Sicurezza che addita poveri e devianti come il nemico pubblico numero uno di questo paese.

Questo il comunicato del Lambretta:

Tutto ciò che manca

Oggi è stato restituito uno spazio alla nostra città.

Uno dei tanti edifici vuoti e inutilizzati di Milano ha ripreso vita per diventare luogo di socialità, scambio, confronto e inclusione. Abbiamo deciso di riaprire le porte di questo stabile per riempirlo di iniziative e attività rivolte a tutti gli abitanti del quartiere e della città. Per quanto ogni giorno ci vengano offerte milioni di possibilità, quante volte possiamo essere davvero protagonisti? Per questo noi ci proponiamo come spazio libero e autogestito: un contesto in cui ognuno possa esprimersi liberamente e sviluppare i propri progetti e le proprie idee, anche se fuori dal comune.

Qui troveranno spazio un’aula studio e una libreria, a disposizione di studenti e appassionati di lettura; una palestra popolare dove condividere la passione per lo sport, con corsi di boxe e dancehall; un bar a prezzi popolari per scambiare due chiacchiere in compagnia. Il Casc Lambrate, Coordinamento Autonomo Studenti e Collettivi, allestirà uno spazio dedicato agli studenti dei licei; il collettivo DeGenerAzione creerà momenti di confronto e scambio sulle questioni di genere e sul femminismo; No Place No Race avrà una cucina in cui preparare cibo per chiunque ne abbia bisogno, e un magazzino in cui raccogliere vestiti e donazioni da ridistribuire. Ospiteremo conferenze e dibattiti su questioni internazionali per diventare più consapevoli di ciò che accade anche lontano dal nostro contesto, affrontando argomenti che spesso vengono ignorati o messi a tacere dalla nostra società.

Eppure questa è solo una piccola parte di ciò che possiamo fare per costruire un’alternativa: tutto ciò che manca è nelle tue mani.

Prossimi appuntamenti:

sabato 1 dicembre h. 20.00: cena post-corteo NO CPR con presentazione progetto No place No Race
domenica 2 dicembre: LAMBRETTA OPEN – giornata aperta di presentazione dello spazio con banchetti di autoproduzioni, lezione aperta Della Move Project, musica dal vivo by De Strangers, panini con salamelle e/o verdure, live painting con Vermi di Rouge e altri artisti.

Venite a trovarci in via Edolo, 10!

Spazio autogestito di quartiere Lambretta

Foto di: Luca Scarpa

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.