morti

Solidarietà con la protesta sociale in Perù – l’appello di cittadinə peruvianə residenti in Italia

30 Gen , 2023 - AMERICHE, INTERNAZIONALE

Solidarietà con la protesta sociale in Perù – l’appello di cittadinə peruvianə residenti in Italia

Di fronte alla brutale repressione della mobilitazione popolare in Perù da parte del governo di Dina Boluarte, sostenuto dalle forze armate e dalla destra fujimorista, un gruppo di cittadinə peruvianə residenti in Italia ha preso l’iniziativa e chiede di firmare l’appello di solidarietà che potete leggere sotto. Inoltre, è stata avviata una raccolta fondi per […]

Un anno fa la morte di Lorenzo. Nel frattempo nulla è cambiato

21 Gen , 2023 - PRIMO PIANO, STUDENTI

Un anno fa la morte di Lorenzo. Nel frattempo nulla è cambiato

Il 21 gennaio dell’anno scorso moriva d’Alternanza Lorenzo Parelli, studente diciottenne. Cade oggi il primo anniversario della morte di Lorenzo, studente ucciso dalla caduta di una trave metallica mentre era al suo ultimo giorno di stage alla Burimec di Lauzzaco, un’azienda meccanica in provincia di Udine. Il processo per la sua morte non è ancora […]

L’Italia condanna i migranti con il silenzio

2 Nov , 2022 - MIGRANTI, MOVIMENTI

L’Italia condanna i migranti con il silenzio

Non sono serviti a nulla gli appelli di ong, cittadin* e giornalist* per bloccare il rinnovo del Memorandum Italia-Libia, accordo promosso da Marco Minniti durante il Governo Gentiloni nel 2017 relativo all’arginamento dell’immigrazione clandestina. Non sono bastati 4 governi per fermare l’orrore che si cela dietro un accordo firmato con il sangue di migliaia migranti […]

La protesta politica in Iran va avanti

30 Ott , 2022 - INTERNAZIONALE, MEDIO ORIENTE

La protesta politica in Iran va avanti

Nel 42esimo giorno dalla morte di Mahsa Amini per mano della polizia morale iraniana, montano le proteste nel paese nonostante la dura repressione rivendicata dal governo e messa a segno dalle forze dell’ordine. Secondo le organizzazioni per i diritti umani, finora la repressione ha causato 266 vittime, tra cui 33 minorenni e più di 14mila arresti. A […]

“L’Italia non è un paese per giovani, ma a nessuno sembra interessare” – 7 ottobre corteo studentesco a Milano

30 Set , 2022 - STUDENTI

“L’Italia non è un paese per giovani, ma a nessuno sembra interessare” – 7 ottobre corteo studentesco a Milano

Venerdì 7 ottobre scenderemo in piazza per richiedere un futuro giusto e sicuro per tuttə, senza sfruttamento, crisi e precarietà. Questa notte abbiamo rinominato gli ingressi delle stazioni della metro di Sant’Ambrogio, Abbiategrasso, Lodi e Loreto, volendo porre l’accento su ciò che interessa a noi studenti e studentesse. STOP ALTERNANZA! VOGLIAMO UN FUTURO! BASTA TAGLI […]

Fuoriclasse, festival studentesco (11-13 giugno)

6 Giu , 2022 - STUDENTI

Fuoriclasse, festival studentesco (11-13 giugno)

Dopo due anni durante i quali le decisioni sregolate di politicanti incompetenti, servi un sistema infame, ci hanno tolto il nostro tempo e il nostro spazio scolastico, dopo aver assistito (e reagito di conseguenza) a due morti di nostri coetanei in Alternanza Scuola-Lavoro e altrettanti infortuni, è imperativo riprenderci quegli spazi e quei momenti che […]

09/04 – Chiamata alle arti StopWar

9 Apr , 2022 - IN EVIDENZA

09/04 – Chiamata alle arti StopWar

9 aprile, ore 15 @ largo Cairoli. Milano contro la guerra chiama alle arti, “pace, disarmo, futuro” ! >> La scaletta in costruzione: *“Donna non rieducabile”, memorandum teatrale su Anna Politkovskaja – testo di Stefano Massini *Giacomo Campiglio: chitarra e voce *Siria: “Oh Dea Resistenza” Anno 5000 DC., reading teatrale *Voci dalla carovana #safepassage: testimonianze […]

2 aprile – Milano contro la guerra – Nelle piazze fino alla conclusione del conflitto

31 Mar , 2022 - MOVIMENTI

2 aprile – Milano contro la guerra – Nelle piazze fino alla conclusione del conflitto

2 aprile, ore 15 @ Largo Cairoli. Pace. Disarmo. Futuro. Si moltiplicano gli inviti alla diplomazia al posto dell’escalation bellica, si moltiplicano gli appelli ad inviare ambulanze e aiuti umanitari al posto di nuove bombe e missili. Voci sempre più autorevoli e trasversali prendono parola contro l’invio di armi che provocherebbero l’inevitabile allargamento del conflitto […]