Fragole e Sangue

fragoleda Contropiano

 

Grecia: i lavoratori chiedono il pagamento degli stipendi arretrati e uno dei sorveglianti dell’azienda spara contro i braccianti, ferendone 28.

Alle sei del mattino. Duecento lavoratori immigrati, provenienti per lo più dal Bangladesh, protestano con i propri ‘datori di lavoro’ – in italiano si direbbe caporali – perchè ormai da mesi nessuno li paga, anche se loro tutte le mattine all’alba vanno nei campi a raccogliere le fragole. Uno dei tre sorveglianti dell’impresa all’improvviso imbraccia un fucile e comincia a sparare all’impazzata sulla folla, ad altezza d’uomo. Ventotto braccianti rimangono feriti, alcuni in modo grave, dai colpi sparati, gli altri fuggono in preda al panico e all’incredulità.

Non siamo in Colombia, ma in Grecia.

L’esplosione di violenza da parte dei padroni greci contro i loro operai stranieri oggi è su tutti i quotidiani ellenici, mentre l’invito a boicottare le fragole prodotte dall’azienda ‘Manolada’ rimbalza sui social network e sui blog fino ad approdare su qualche sito web più sensibile e attento. L’episodio – rivelatore di una violenza padronale che la crisi porta alla ribalta senza mediazioni e infingimenti – è avvenuto ieri mattina a Ilia, una piccola località del Peloponneso dove da anni si ripetono episodi di abusi e di sopraffazione nei confronti dei lavoratori immigrati, e non, occupati in agricoltura. Come quando un bracciante egiziano fu picchiato e trascinato per centinaia di metri dopo esser stato legato dietro ad una macchina. La colpa dei lavoratori è stata quella di reclamare all’azienda il pagamento di quegli stipendi non più percepiti ormai da sei mesi. Stipendi da fame, peraltro, in cambio di orari di lavoro sfiancanti e di un regime di semischiavitù.

La sinistra greca, i sindacati, le associazioni antirazziste chiedono ora che i colpevoli, gli sparatori, siano arrestati e puniti in maniera rapida ed esemplare. Finora la polizia ha arrestato uno dei proprietari dell’azienda, che però si dichiara estraneo ai fatti. Anche un altro uomo, che avrebbe aiutato due sorveglianti a fuggire, sarebbe in stato di arresto.

Gli immigrati intanto denunciano che tramite i caporali i titolari dell’azienda hanno fatto sapere ai braccianti che è inutile che continuino a chiedere il pagamento degli stipendi arretrati e che anzi è meglio che si vadano a cercare un altro lavoro.

 

Invitiamo tutti al BOICOTTAGGIO delle fragole provenienti dalla Grecia! 

Qui l’articolo originale

Per approfondire: link

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.