Il massacro di Melilla e la lotta per la verità

A circa un mese dal massacro di migranti tra il confine marocchino e quello dell’enclave spagnola di Melilla, dove almeno 27 persone hanno perso la vita nel tentativo di attraversare la recinzione che separa i due paesi, dettagli e retroscena inquietanti vengono svelati da un’inchiesta dell’AMDH – la principale associazione marocchina che si occupa di diritti umani – presentata a Rabat il 20 luglio.
Come emerge dall’inchiesta, si è trattato di una violenza ingiustificata e premeditata, con l’uso delle vite delle persone come merce di scambio nelle relazioni tra Spagna e Marocco.

DI SEGUITO, LE PARTI PIU’ IMPORTANTI:

● Lo stato dei campi prima del 24 giugno 2022

All’inizio di giugno circa 1.500 migranti si sono radunati nei campi di Al-Khamis Al-Qadim e Bakoya.
Le autorità hanno monitorato con droni il numero e gli spostamenti dei migranti, e li hanno inseguiti per 18 giorni quasi quotidianamente per spingerli a lasciare l’area. Queste campagne sono state caratterizzate da violenze, in quanto i migranti sono stati oggetto di inseguimenti e di arresti, i loro campi distrutti e i loro beni sequestrati o bruciati. Nemmeno le scorte di cibo sono state risparmiate.
Gli attacchi più feroci si sono registrati il ​​7-15 aprile, il 23 maggio, il 17-20 giugno e il 23 giugno, quando si è osservato un massiccio movimento di autorità pubbliche per svuotare i campi di migranti e richiedenti asilo presenti nella Bekoya e foreste di Old Khamis.

L’inizio di questo periodo persecutorio non ha conosciuto alcuna reazione da parte dei migranti, che uscivano dai campi e vi tornavano dopo che le autorità si allontanavano, ma a partire dal 23 maggio i migranti iniziarono a resistere alle autorità utilizzando pietre, mentre questi ultimi hanno usato gas lacrimogeni, che hanno portato alla caduta di feriti da entrambe le parti e all’arresto di molti richiedenti asilo che sono tuttora perseguitati davanti alla magistratura.
All’interno dell’ospedale sono stati prestati i primi soccorsi da parte delle forze pubbliche, mentre i migranti feriti e i richiedenti asilo sono rientrati nella foresta per paura di essere arrestati. Questo è l’unico periodo in cui i migranti hanno usato pietre contro le forze pubbliche in risposta alle violenze praticate su di loro quasi quotidianamente dalle autorità pubbliche marocchine.

La crudeltà quasi quotidiana subita dai migranti, nonostante la loro presenza relativamente lontana dalla zona di confine con Melilla occupata (circa 20 km), ha raggiunto il culmine quando le autorità, verso la metà di maggio, hanno chiesto ai mercanti vicino ai campi di non vendere nulla a ai migranti, comprese le scorte di cibo, e l’acqua è stata tagliata dal rubinetto da cui veniva loro fornita l’acqua. Questo blocco riflette chiaramente le pratiche disumane nei confronti di migranti e richiedenti asilo e sancisce con forza il ruolo del gendarme svolto dal Marocco subito dopo la normalizzazione dei suoi rapporti con la Spagna, che ha spinto centinaia di richiedenti asilo nella notte del 18 giugno a trasferirsi nel sud regione del monte Koroko. Il giorno seguente sono stati inseguiti per impedire loro di rimanere nel campo, che si trova a circa 6 km dal confine con Melilla occupata.

Il 23 giugno è stata la giornata più brutale e terrificante per immigrati e richiedenti asilo, assaliti da centinaia di gendarmi, forze ausiliarie e funzionari del ministero dell’Interno, dopo che le autorità li avevano avvertiti di lasciare il posto entro 24 ore. Li hanno attaccati intorno alle nove del mattino, sono scoppiati violenti scontri tra le due parti, con un uso massiccio di fumogeni.

● Nazionalità dei migranti e dei richiedenti asilo che partecipano al tentativo di oltrepassare il recinto:

La maggior parte dei partecipanti a questo tentativo proviene da regioni che conoscono i conflitti e le guerre del Sudan, del Sud Sudan e del Ciad. Hanno il diritto, secondo il diritto internazionale umanitario e la Convenzione di Ginevra sui diritti dei rifugiati, di beneficiare della protezione internazionale, ma per presentare domanda di asilo e beneficiarne, devono prima scavalcare pericolose barriere spinose e varcare i confini di una forte militarizzazione. Sono richiedenti asilo che sono in Marocco da mesi o anni, ci sono arrivati ​​dopo aver attraversato l’Algeria e, prima, il lungo cammino verso la Libia per presentare domanda di asilo all’Alto Commissario per i Rifugiati tramite il suo rappresentante a Oujda, perché l’unico ufficio dell’UNHCR è a Rabat.

● Eventi di venerdì 24 giugno 2022:

Lungo il percorso dalla cima di Koroko al confine, il viaggio di 1.500 richiedenti asilo è durato circa un’ora, e le autorità pubbliche non hanno impedito loro di passare e non li hanno dispersi anche quando sono passati vicino alle caserme delle forze ausiliarie. Qui si pone una domanda importante: perché le autorità hanno usato tutti i mezzi per deportarli nei giorni precedenti e non sono intervenute quando stavano avanzando verso la recinzione? Questo cambiamento nella strategia delle autorità può essere spiegato solo dal fatto che volevano sfruttare ciò che la posizione geografica offriva loro. I richiedenti asilo si erano sbarazzati dei bastoni e delle pietre che trasportavano,  il che conferma che i richiedenti asilo avevano un obiettivo, che era quello di attraversare il confine e non entrare in scontro con le autorità pubbliche marocchine.

Senza il minimo problema, i richiedenti asilo sono arrivati ​​al posto di blocco intorno alle nove del mattino, poi hanno provato ad aprire il cancello principale, e poi hanno iniziato a salire i posti di blocco senza panico né fretta. Pochi secondi dopo, le forze pubbliche marocchine hanno preso posizione sulla tangenziale che circonda la recinzione e hanno iniziato ad attaccare i migranti utilizzando pietre e fumogeni, poi le prime vittime hanno cominciato a cadere tra i migranti: soffocamento o lesioni da pietra le cause maggiori.
È chiaro che le violenze delle autorità marocchine contro i migranti (che hanno rinunciato ai bastoni e alle pietre che portavano prima) non sono state una reazione alla violenza dei migranti armati (secondo la versione ufficiale) , ma per impedire loro in qualsiasi modo e ad ogni costo di raggiungere Melilla occupata.

Poi, desiderosi di sfuggire alla repressione e al violento intervento delle autorità al valico di Barrio Chino, e in un ultimo tentativo da parte loro di raggiungere la recinzione, è iniziata una pericolosa fuga precipitosa, soprattutto con l’offuscamento della vista dovuto ai gas lacrimogeni che è stato ampiamente utilizzato e, a causa della paura e del panico, i migranti hanno iniziato a cadere dalla cima della recinzione.

Al culmine di questa violenza contro i migranti, le ambulanze non sono arrivate per soccorrere i feriti o portarli in ospedale, poiché le autorità si sono concentrate sulla violazione dei migranti per impedire loro di raggiungere Melilla occupata. Ma la fase sconvolgente sarà quella che attraverseranno i migranti dopo: pratiche umilianti e degradanti della dignità umana, dove centinaia di agenti praticheranno violenza direttamente sui corpi di le vittime (percosse, calci e colpi di sassi) anche se alcune di loro respiravano con difficoltà, e contemporaneamente un’altra parte delle forze generali ha continuato a lanciare pietre contro i migranti che scalavano la recinzione, che ha portato alla loro caduta prima che venissero trascinate fino al punto di concentrazione delle vittime in un’area di terreno non superiore a 200 mq, dove erano accatastate una sopra l’altra.
In questa montagna di persone morte o morenti, le autorità non hanno smesso di lanciarci sopra altre persone, nonostante le chiamate di soccorso e i gemiti dei migranti feriti, ma le autorità hanno continuato ad ammanettare e picchiare per ore senza il minimo intervento per aiutare i feriti, secondo le testimonianze.

Abbiamo 20 registrazioni video che mostrano l’entità della brutalità delle autorità nei confronti dei migranti disarmati. Alcuni video mostrano l’uso di gas lacrimogeni e proiettili di gomma da parte della polizia marocchina e della Guardia civile spagnola contro i richiedenti asilo quando sono rimasti intrappolati all’interno del valico di frontiera del Barrio Chino. Questo intervento violento è stato senza dubbio alla base dell’elevato numero di vittime cadute per soffocamento, ed è stato tangibile mostrare l’entità della cooperazione marocchino-spagnola nella violazione dei diritti dei migranti, poiché i gas lacrimogeni da parte spagnola si sono mescolati a quelli utilizzato dalle autorità marocchine.

Questa situazione è durata per più di due ore prima dell’arrivo di 4 ambulanze intorno alle 11:30, che hanno iniziato a evacuare i corpi prima dei feriti, che sanguinavano, e sono stati trasferiti solo dopo che era trascorso molto tempo, poiché l’ultima ambulanza è stata registrata intorno alle nove di sera. Fino ad allora, molti feriti non hanno ricevuto alcun primo soccorso, né da parte marocchina né da parte spagnola.

Verso le quattro del pomeriggio verranno spostati 9 autobus per deportare circa 500 migranti, compresi i feriti (prima dell’arrivo delle ambulanze, che non superavano le quattro), in diverse aree (Bani Mellal, Qal’at Sraghna, Chichaoua…) via Taourirt-Meknes-Bani Mellal – Marrakech – Chichaoua, con una lunghezza di 890 km, il che significa che alcuni di loro hanno trascorso circa 12 ore in questo viaggio senza essere riforniti di cibo o fornire loro i primi soccorsi e Alcuni migranti verranno trasferiti da amici o cittadini marocchini in ospedali per ricevere i primi soccorsi a Marrakech, Agadir, Beni Mellal, Al Bayda e Rabat.

Grazie alle testimonianze dei migranti documentate da fotografie, abbiamo potuto registrare almeno un decesso tra i deportati, legato all’immigrato Abdel Nasser Mohamed Ahmed, morto nella notte tra il 24 e il 25 giugno dopo essere stato caricato morente su un autobus per la deportazione.

● Il tentativo delle autorità di sbarazzarsi delle vittime seppellendole rapidamente e segretamente:

Il giorno dopo la tragedia del 24 giugno, abbiamo annunciato che le autorità stavano cercando di seppellire le vittime senza identificarne l’identità e senza eseguire un’autopsia sui corpi.

La pubblicazione sulla pagina dell’associazione delle foto degli scavi di tombe e la condanna del tentativo di seppellimento segreto di immigrati e l’afflusso di molti giornalisti stranieri e marocchini al cimitero, ha indotto le autorità a ritrattare il completamento del processo di scavo, ma ha impedito ai giornalisti stranieri di visitare il cimitero, come è successo con il corrispondente del quotidiano El Pais in Marocco il 26 giugno, che è stato portato alla stazione di polizia di Nador, e altri due giornalisti del quotidiano Del Faro de Melilla sono stati banditi il ​​27 giugno da Aounin alle autorità.

● La verità sulle reti di traffico di esseri umani:

Dopo il ritorno delle relazioni ispano-marocchine, la presa di sicurezza sui campi nelle foreste si è rafforzata, ma è emerso anche il discorso di criminalizzare l’immigrazione e i migranti, accusandoli di appartenere a reti di traffico di esseri umani. Anche se migrare saltando la recinzione attorno a Melilla è una migrazione gratuita, aperta a tutti i richiedenti asilo che prendono questa decisione personalmente dopo essersi stabiliti nei campi di Koroko senza fare nulla per nessuno. È la migrazione a cui ricorrono i migranti poveri, che non possono pagare il prezzo del viaggio per mare in barca.

Ricordiamo che le migrazioni degli africani dall’Africa subsahariana, verso la quale non c’è nessuna pietà, sono apparse nella zona solo nel 2017, dopo la costruzione della quarta recinzione al confine di Melilla, che ha lame affilate ed è diventata difficile per aggirare. Con il rafforzamento della militarizzazione di questi confini, iniziò lo spostamento verso la rotta marittima. Lo provano le relazioni dell’associazione, secondo la quale questa trasformazione e l’aumento del numero delle reti migratorie è il risultato delle politiche europee e marocchine.

● Le più importanti violazioni contro i richiedenti asilo da parte delle autorità in Marocco e Spagna:

Molti di loro possono essere elencati:

Violazione del diritto di asilo, in particolare per i richiedenti asilo provenienti da zone di conflitto come Sudan, Sud Sudan e Ciad, la maggior parte dei quali aveva precedentemente presentato la propria pratica per chiedere asilo dopo essere arrivati ​​nella città di Oujda, ma non ne hanno goduto protezione in Marocco Inoltre, le autorità pubbliche marocchine stanno strappando i documenti di domanda di asilo in loro possesso prima di deportarli al confine algerino chiuso, cosa che è stata condannata dalla filiale di Al-Nazur nel 2021, cosa che spinge molti di loro rischiare la vita per raggiungere la banca spagnola e chiedere asilo;

Violazione del diritto a un alloggio adeguato, che si riscontra nella riluttanza dei proprietari di appartamenti a Nador di affittarli a migranti e richiedenti asilo a causa del colore della loro pelle, che li costringe a rifugiarsi nelle foreste in attesa dell’opportunità di attraversare a Melilla e Talib, che conferma le pratiche razziste nei confronti di migranti e richiedenti asilo per il colore della loro pelle;

Violazione del sacro diritto alla vita con la morte di almeno 27 richiedenti asilo ai confini con la città occupata, il che indica che le politiche europee, spagnole e marocchine in materia di immigrazione e asilo non causano più morti solo sulle rotte marittime , ma sono diventati mortali anche alle frontiere terrestri , Più di 64 migranti sono ancora considerati dispersi, il che potrebbe filtrare il bilancio delle vittime per aumentare

Violazione del diritto all’integrità fisica dei richiedenti asilo a frontiere taglienti e spinose con eccessiva violenza anche se non rappresentavano alcun pericolo.

Violazione del diritto di asilo da parte delle autorità spagnole, che hanno immediatamente rimpatriato i richiedenti asilo che hanno varcato la barriera di confine, dove il ramo di Nador ha stimato che il numero di coloro che sono stati espulsi subito dopo l’ingresso nella città occupata, circa 100 richiedenti asilo, in flagrante violazione della Convenzione di Ginevra, sia da parte della Guardia spagnola che da parte delle autorità marocchine, alcuni dei cui membri stavano varcando le frontiere per portare i richiedenti asilo in un’aperta complicità tra le autorità dei due paesi senza dar loro la possibilità di chiedere asilo e di esaminare le loro richieste individualmente come previsto dalla Convenzione di Ginevra sui diritti del rifugiato.

La deportazione arbitraria di migranti da parte delle autorità marocchine dalla regione di Nador verso l’interno e le regioni meridionali del Marocco tramite autobus senza consentire loro di mangiare o bere o prestare assistenza medica ai feriti e senza fornire le infrastrutture per accoglierli in condizioni umanitarie

● Conclusioni :

Riteniamo che questa relazione rimanga preliminare e continueremo il nostro lavoro per svelare tutta la verità su questo fascicolo ed esporre tutte le violazioni e le violazioni commesse nella tragedia del Barrio Chino, che conferma concretamente le ripercussioni catastrofiche delle politiche europee in materia di immigrazione e asilo, non solo sulla situazione degli immigrati e dei rifugiati nei territori europei, ma, più seriamente, sulla loro situazione all’interno dei paesi di transito e dei paesi ai confini meridionali dei paesi dell’Unione Europea, come avviene nel nostro paese, dove il fascicolo dell’immigrazione viene impiegato e sfruttato peggio dalle autorità marocchine e spagnole. La tragedia di Melilla dimostra ancora una volta che l’esercizio da parte del Marocco del ruolo di gendarme e guardia dei confini meridionali della Spagna, con la complicità delle autorità spagnole e con la benedizione dell’Unione Europea, è il primo responsabile delle orribili violazioni che hanno colpito migranti e richiedenti asilo.

Oggi, di fronte a questa tragedia, annunciamo che non è possibile chiudere questo fascicolo senza aprire un’indagine imparziale da parte di autorità indipendenti, definendo responsabilità, disponendo sanzioni per loro e ritenendo responsabili tutti coloro che sono coinvolti in questo crimine sia nei confronti del marocchino e le parti spagnole.
Chiediamo:

Che l’Unione Europea e i suoi Stati membri, in particolare la Spagna, assumono i loro obblighi internazionali per proteggere i migranti e i richiedenti asilo e fermare ogni forma di sostegno fornita al Marocco, compreso il supporto materiale, logistico e politico, al fine di svolgere la missione di guardia del sud confini dell’Unione Europea;

La divulgazione da parte dello Stato marocchino del destino dei dispersi e informare il pubblico di ciò che sa sulle circostanze della loro scomparsa e fermare le deportazioni arbitrarie dei richiedenti asilo per tenerli lontani dai confini con l’Europa;

– Rilascio immediato e cessazione delle persecuzioni contro i migranti che sono stati arrestati. Perseguimento dei veri responsabili della tratta e delle reti di traffico di esseri umani, che prosperano ogni volta che il controllo viene rafforzato e le frontiere militarizzate;

– Adottare una vera politica di immigrazione e asilo basata sul rispetto della dignità umana dei migranti e dei richiedenti asilo, in particolare per coloro che provengono dal nostro continente nero e che sono soggetti a tutte le forme di violenza, discriminazione e razzismo a causa del colore della loro pelle , in totale contraddizione con i discorsi e le dichiarazioni promossi che considerano il Marocco un “modello” nel campo della gestione delle pratiche migratorie nella regione.

Nassi La Rage

Grazie a l’Association Marocaine des Droits Humains

 

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.