Partigian* in ogni strada – “Da qui non passerete!”. La battaglia del Ronchetto

In zona Santa Rita, quartiere Barona, la notte del 25 aprile 1945 i partigiani della 113a brigata Garibaldi vengono raggiunti dalle staffette partigiane di Corsico e informati dell’imminente arrivo di una colonna di fascisti e nazisti che vuole entrare in città passando dal Naviglio.

Il primo impatto lo reggono in quindici, stanchi e male armati combattono con tutto quello che hanno al grido di “maledetti, di qui non passate!”. Resistono fino all’arrivo dei rinforzi: 80 partigiani che prendono la colonna da entrambi i lati riuscendo a bloccarne l’avanzata, perdendo solo tre compagni: Domenico Bernori di 21 anni, Giovanni Paghini e Idelio Fantoni di 18.

Idelio inizialmente viene portato insieme agli altri feriti nella cripta della chiesa di Santa Rita, dove i padri Agostiniani avevano allestito un ospedale-rifugio per i partigiani aiutati dal partigiano e medico Mario Migliavacca. Qui vengono curati Paolo Mignosi, Antonio Befana e Scipione Grossi.

I nazisti scampati allo sbarramento tornano verso Corsico per tentare di entrare in città passando per Cesano Boscone o Baggio, ma le staffette avevano avvertito tutte le bande della zona e in ogni strada vengono attaccati dagli uomini e dalle donne della Resistenza, per venire fermati definitivamente dalla 112a brigata Garibaldi e dai gruppi della Matteotti.

“In queste ore il mondo vi guarda, nel nome dei vostri martiri, date prova del vostro valore e dimostrate di essere degni della libertà per la quale avete tanto combattuto e sofferto”.

Margherita Fruzza


Informazioni anche su Anpi Barona

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.