Aperto da un mese, già un morto nel Cpr di Gradisca

Gorizia – Altra morte nei lager di Stato.

Le persone trattenute raccontano che il 17 gennaio c’è stata una protesta, è intervenuta la polizia pestando e arrestando un cittadino georgiano. Questa mattina è stato riportato al CPR e messo nella cosiddetta “zona rossa” e nel pomeriggio ha avuto un malore.
Stiamo raccogliendo maggiori informazioni, non sappiamo ancora il nome e l’età, sappiamo solo che prima di essere trasferito a Gradisca era trattenuto al CPR di Bari. Le persone con le quali siamo in contatto ci dicono che in questo momento sta saltando la corrente elettrica e non sanno se riescono a mantenere i contatti con i legali.

Pochi giorni fa nel CPR di Caltanissetta è morto Aymed un giovane tunisino.

I CPR vanno chiusi!

da MeltingPot Europa

CPR Gradisca d'Isonzo 18genn20

⚫ "A GRADISCA SI MUORE: SAPPIAMO CHI È STATO" (video)Riceviamo e condividiamo da No Cpr e no frontiere – FVG commento e video di denuncia relativo alla morte di oggi di un cittadino georgiano nel CPR di Gradisca d'Isonzo(👉http://bit.ly/2TIhAfD)"A Gradisca si muore: sappiamo chi è StatoIeri, durante una protesta delle persone recluse, la polizia – in antisommossa – ha picchiato violentemente chi resisteva.Secondo le voci dall’interno, uno di loro è stato picchiato violentemente. Oggi è morto, come conferma anche l’ospedale, dove era stato portato.Da dentro, chiedono di diffondere questo video. Lo diffondiamo in piena solidarietà con tutti i reclusi e con un grande dolore per la morte di una persona, la prima persona a morire nel ri-aperto Cpr di Gradisca.In memoria di quest’uomo, ancora senza nome, di Majid, morto nel 2013 a seguito delle proteste che portarono alla distruzione del Cie.Seguiranno aggiornamenti, per capire le dinamiche e le responsabilità. Per ora sappiamo solo quello che già sapevamo: nei lager si muore.Che tutti i Cpr vengano distrutti."👇https://nofrontierefvg.noblogs.org/post/2020/01/18/a-gradisca-si-muore-sappiamo-chi-e-stato/

Gepostet von Mai più lager – NO ai CPR am Samstag, 18. Januar 2020

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *