L’importanza di Afrin e perché lo stato turco vuole attaccarla


 

Il Congresso Naziopnale del Kurdistan (KNK) ha rilasciato un appello per la protezione di Afrin contro gli attacchi esterni. La Turchia si trova a Nord e ad Ovest di Afrin, ad Est vi sono gruppi turchi e a Sud il Fronte Nusra (Hayat Tahrir al-Sham). I prezzi del petrolio e dei prodotti alimentari ad Afrin, la cui economia si basa su olive, l’olio d’oliva e la frutta, sono aumentati negli ultimi tempi a causa dell’embargo da tutti i versanti.

Dal 2014, gli arabi hanno preso il loro posto nell’assemblea legislativa, nel consiglio presidenziale dell’assemblea e nel consiglio esecutivo nell’amministrazione cantonale. Una piccola popolazione di arabi vive nel centro di Afrin, con i curdi aleviti a Mabata e i curdi yazidi a Kastel Cindo e Ezaze. A causa della sua relativa stabilità, dal 2013 Afrin è stato un rifugio per le persone che sono fuggite dall’ISIS da posti come Raqqa, Manbij, al-Bab e Jarablus. La popolazione di Afrin, che comprende sette quartieri e 365 villaggi, è raddoppiata rispetto alla cifra originaria di 400.000.

Dopo la sconfitta dell’ISIS a Kobani e Gire-Spi nel 2016 lo stato turco ha visto che la sua posizione era peggiorata; soprattutto dopo aver venduto le proprie bande al regime siriano e alle forze russe. Per cercare di porvi rimedio, lo stato turco ha reindirizzato la sua attenzione verso l’amministrazione autonoma democratica.

L’esercito turco occupante ha il controllo di alcune parti della regione di Shehba. L’obiettivo principale del dispiegamento militare nella sacca di Azaz-Jarablus è quello di circondare Afrin prendendo quello che è visto come il corridoio curdo tra la base aerea di Menagh e Tell Rifaat. Le ambizioni di questa occupazione sono duplici: prima il sabotaggio dell’operazione Raqqa e, in secondo luogo, la protezione di ISIS. C’è anche il desiderio di ostacolare lo sviluppo della Federazione della Siria settentrionale, combattere l’amministrazione autonoma democratica e impedire lo sviluppo di progetti democratici in Siria.

Da quando Afrin si è liberata dal regime baathista, la Turchia ha voluto distruggere la città. Da Giugno l’esercito turco e i gruppi della FSA stanno sostenendo attacchi di mortaio nella città e dall’inizio della rivoluzione del Rojava lo stato turco ha ucciso molti civili, ferito migliaia di persone e bruciato fasce di terra appartenenti al popolo.

Lo stato turco ha confessato i suoi piani

Si stanno ottenendo importanti vittorie nell’operazione Raqqa, e ISIS e il suo più grande sponsor lo stato turco stanno perdendo nel Rojava e nel Nord della Siria. Erdogan non è in grado di digerire questa sconfitta e sta quindi cercando di vendicarsi dei curdi. Lo stato turco sta attaccando Afrin perché ha paura di qualsiasi tipo di status per i curdi.Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, il primo ministro Binali Yildirim e il ministro della Difesa Fehmi Isik hanno dichiarato il loro piano per attaccare Afrin. Per ottenere l’approvazione di questi piani, Erdogan ha avuto conversazioni telefoniche con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, il presidente russo Vladimir Putin e il primo ministro britannico Theresa May.

Allo stesso tempo lo stato turco sta schierando le sue forze sul confine tra Turchia e Siria, e anche nelle aree occupate tra Al-Bab e Azaz. Stanno lanciando quotidianamente dalle terre occupate in Siria  mortai nelle regioni popolate dai curdi dalle terre occupate in Siria. Lo stato turco sta cercando di ottenere consenso discutendo i suoi piani di attacco e di occupazione nei media e nelle riunioni quotidiane. Ad esempio, il primo ministro turco ha dichiarato il 3 Luglio:  “Stiamo costruendo una base militare sulla collina più strategica di al-Bab. Sta per essere completata. Pertanto, garantiremo la sicurezza di al-Bab e di tutta la regione con le nostre forze di polizia e i militari. Stiamo lavorando per stabilizzare la regione. Tuttavia, la mia opinione personale è che per stabilizzare la regione abbiamo bisogno di liberare la regione di Afrin dai terroristi “.

L’assistente ha anche affermato che il ministro degli  esteri e l’organizzazione di intelligence del paese sta conducendo il suo lavoro a tal fine e ha aggiunto: “I piani della Turchia per un’area sicura saranno concordati nei colloqui di Astana”.

Le motivazioni della Turchia per l’aggressione

Il mondo civilizzato è parte di una battaglia significativa contro l’ISIS e per questo è stata creata una coalizione internazionale. Tuttavia molti documenti e rapporti affermano che la Turchia sta sostenendo ISIS e fornendo loro armi. La Turchia sta minacciando la regione, i curdi ed il mondo attraverso l’ISIS. Questo è il motivo per cui non è nell’interesse della Turchia sconfiggere l’ISIS. La battaglia di maggior successo della Coalizione internazionale contro l’ISIS è stata condotta in collaborazione con i curdi e le forze democratiche siriane di cui i curdi costituiscono la maggioranza.

Allora, perché la Turchia vuole attaccare Afrin, una città che non minaccia la Turchia e dove non c’è un solo combattente  di ISIS?

Questa aggressione non ha basi legali o etiche. C’è solo una ragione dietro l’aggressione dello stato turco nei confronti di Afrin, e questa è la sua fobia curda. Lo stato turco non vuole che i curdi e il loro progetto abbiano successo. La Turchia vuole caos, instabilità e guerra. La Turchia non vuole che l’ISIS venga sconfitto. La Turchia vuole occupare. La Turchia sta gettando le basi per una guerra regionale e internazionale. La Turchia vuole essere una forza dominante nella regione, sostenendo le forze salafite e agendo con una mentalità espansionista nazionalista turca.

Con questa politica, la Turchia è diametralmente opposta ai popoli della regione e all’obiettivo della comunità internazionale di sconfiggere l’ISIS. La Turchia sta sacrificando la volontà dei curdi, degli arabi, degli assiri, dei caldei, degli armeni e dei turcomanni per i propri obiettivi espansionistici. Le politiche della Turchia la stanno conducendo verso il crimine di guerra.

I popoli del Rojava sono contro l’occupazione

Centinaia di arabi hanno marciato contro l’occupazione dello stato turco nei villaggi di Keferneya, Umhos, Kefernase, Tell Rifaat, Ehres, Vahsiye, Fafen e Hisarcik.La gente del villaggio di Keferneya si è radunata davanti alla moschea del villaggio e ha raggiunto la scuola elementare locale. I manifestanti, che sono stati raggiunti dall’assemblea popolare di Shehba e dall’Assemblea delle donne, hanno gridato “Assassino Erdogan!”.

Siamo tutti uniti e contrari all’occupazione

Vediamo la presenza dell’esercito turco sul suolo siriano come occupazione. La presenza dell’esercito turco è anche una minaccia per il futuro democratico e pacifico della Siria.Lo stato turco sta giocando un ruolo negativo nella regione. Dovrebbero andarsene e tutte le forze nazionali e democratiche in Siria dovrebbero chiedere allo stato turco di lasciare la Siria e il Rojava. La presenza dello stato turco ad Al-Bab, Jarablus e Shehba è di per sé un motivo per il prolungamento della guerra in Siria. Nella dichiarazione stampa della marcia, gli arabi di Shehba hanno dichiarato il sostegno per l’SDF e l’opposizione all’occupazione dello stato turco. “L’SDF ci ha salvati dal male. Siamo contro l’occupazione dello stato turco. Curdi, arabi e turcomanni sono uniti “.

Nella stessa dichiarazione, un messaggio è stato inviato alla popolazione di Shehba che viveva sotto l’occupazione turca: “Lo scopo dello stato turco è l’occupazione che non garantisce la sicurezza. Tutti dovrebbero resistere all’occupazione dello stato turco. Lo scopo dello stato turco è quello di acquisire i nostri villaggi e città. Non riconosceranno la volontà della nostra gente mentre lo fanno “.

Gli attacchi dell’esercito turco sono iniziati

L’esercito e le bande turche hanno attaccato i villaggi liberati di Shehba e Afrin. L’esercito e le bande turche hanno attaccato i villaggi di Mirenar, Filat, Qetma, Qestecindo nella regione di Sera e hanno sparato mortai nei villaggi Cilber e Iska di Serava. Allo stesso tempo hanno attaccato i villaggi liberati di Erfad, Minix, Sex Isa, Biluniye. Durante l’attacco una donna di nome Sebah Isa e altri tre civili sono rimasti feriti. I feriti sono stati portati in ospedale ad Afrin. L’esercito turco ha intensificato i suoi attacchi contro i villaggi di Yazi Bax e Keferato nella regione di Shehba. Decine di mortai sono caduti nel villaggio alle 03.00 ora locale. Tre persone sono state uccise a causa del fuoco di mortaio e quattro persone della stessa famiglia sono state gravemente ferite.

Coloro che hanno perso la vita e sono stati feriti:

Hanno perso la vita: Xezala Yusiv (40), Muawiya El-Yusif (13), Tebarik El-Yusif (13).

Sono rimasti feriti: Xensa El-Yusif (18), Rinda El-Yusif (23), Fidaa El-Yusif (19) ve Aya El Yusif (16).

Secondo le informazioni dei medici le ferite sono gravi.

L’esercito turco sta svuotando i villaggi a Shehba espellendo con forza i curdi

Lo stato turco ripulisce etnicamente le regioni tra Jarablus, al-Bab e Azaz. Sta svuotando i villaggi curdi e spostando con la forza i curdi. Sta anche espellendo gli arabi della regione e ridistribuendo le terre ai loro partner. Lo stato turco sta giocando un ruolo molto negativo in questa regione. Stanno giocando con la demografia della regione. Questo è un crimine contro l’umanità.

Shebba

La Turchia ha occupato Jarablus il 24 Agosto 2016. Successivamente ha rivolto la sua attenzione a Rai, Azaz, Exterin, Soran e infine al-Bab. Quando la Turchia occupò questi luoghi, il suo obiettivo primario era la regione di Shehba; i 217 villaggi curdi della regione. Durante l’occupazione dell’esercito, 50 di questi villaggi furono bruciati e distrutti da soldati e bande, con saccheggi di proprietà. Questi villaggi si trovano tra la regione di al-Rai e Marea, e Marea e al-Bab. Alcuni dei villaggi saccheggiati sono: Rai, Dudyan, Gidris, Tel Sehir, Karagoz, Twis, Sava, Siverin, Beluniye, Tel Cican, Tel Circir, Qibbesin, Seyh Nasır, Hawar Kilis, Yazıbag, Sosinbat, Karakopru e Karamezra.

L’esercito turco occupante e le loro bande stanno svuotando le città di Marea e di Shehba a scopi militari. Due giorni fa l’esercito turco ha minacciato i cittadini dei villaggi curdi nella regione di Shehba di svuotare le loro case. Secondo fonti locali, dopo le minacce dell’esercito turco,i villaggi di Hezwan, Sosyan, Neman, Birc, Keibe, Kefer Kelbin, Til Malid, Tiltane, Eble, Tewihine, Tiwes, Sidud, Baroza, Iwen, Dana e Izreq sono stati svuotati . Sempre secondo fonti locali le bande affiliate allo stato turco hanno svuotato i villaggi di Sex Isa e Til Midyeq in preparazione di un assalto contro le aree liberate della regione di Shehba. L’esercito turco sta schierando forze nelle città di Azaz e Marea e nei villaggi di Til Malid e Kilcibrin in preparazione di un assalto contro il cantone di Afrin.

Gli attacchi turchi e il ruolo delle forze internazionali

Le forze di difesa della regione di Afrin e il comandante YPG Sipan Hemo valuta la situazione come segue:

”Lo stato turco non ha avuto successo nelle sue politiche riguardanti la Siria, il Medio Oriente e il Kurdistan Rojava. Se la Turchia attaccasse Afrin questo significherebbe che Russia, Iran e Siria approvano tutto questo. Questo non è possibile in nessun altro modo. Il nostro popolo deve sapere che un attacco dello stato turco di questo tipo, può essere condotto solo con l’approvazione di questi stati. Soprattutto la Russia avrà un ruolo significativo in questo. La Turchia è entrata a Jarablus e al-Bab con il permesso dalla Russia e persino dalle forze della coalizione internazionale. Questa è una questione interstatale. Lo stato turco sta facendo concessioni, facendo sì che stia cercando di aprirsi un percorso. Sta facendo uno sforzo diplomatico per questo fine e militarmente ha riunito alcuni gruppi.

L’obiettivo dei massacri della Turchia è di ostacolare gli sforzi contro l’ISIS. Tuttavia, il percorso di autodifesa del nostro popolo sarà attuato contro chiunque intenda danneggiare questa strategia. Sfortunatamente, alcune forze stanno continuando a sostenere la Turchia. Il silenzio della comunità internazionale contro le intenzioni della Turchia non è nell’interesse della nazione siriana. È per questo motivo che la comunità internazionale è responsabile della situazione in Siria.Se le nostre richieste alla comunità internazionale di prendere posizione contro le intenzioni della Turchia non si concretizzeranno, il nostro popolo non avrà altra scelta che resistere.Il nostro popolo accetta i confini comuni nel quadro del diritto internazionale. Tuttavia, gli attacchi della Turchia continuano. La nostra gente vede la resistenza contro questi attacchi come un dovere nazionale “.

Stanno combattendo contro i curdi non contro l’ISIS

Uweyd Abu Seqir, un capo di una banda che  precedentemente era sottoposto al comando dell’esercito turco, aveva detto che l’esercito turco stava formando un quartier generale militare ad al-Bab per formare una nuova forza combattente. Il comandante che ha lasciato le bande sotto il comando dell’esercito turco cinque giorni fa ha affermato che le intenzioni della Turchia sono diventate più chiare dopo l’occupazione di al-Bab: “Lo stato turco vuole usarci per occupare le nostre terre. Fin dall’inizio ricevevamo gli ordini dall’esercito turco. Tutti i nostri bisogni logistici sono stati soddisfatti dall’esercito turco. Dopo la cattura di al-Bab è diventato chiaro che l’intenzione dell’esercito turco non era quella di combattere l’ISIS, ma piuttosto di rinvigorire il periodo ottomano. Ci sono stati incontri tra l’esercito turco e ISIS e poi decine di villaggi sono stati consegnati all’esercito dall’ISIS. L’esempio più chiaro di ciò fu l’occupazione di Jarablus. “

Un conflitto curdo-arabo viene provocato attraverso i media

Uweyd Abu Seqir ha detto che lo stato turco sta cercando di provocare un conflitto arabo-curdo nella regione e che molti media sono stati utilizzati a tal fine.

Il Congresso nazionale del Kurdistan (KNK) ha emesso il seguente appello e richieste alla comunità internazionale:

Negli ultimi cinque anni Afrin è stata una delle regioni più sicure e stabili della Siria. Con questo in mente, la città ha assorbito gli sfollati interni tanto quanto la sua popolazione originaria. L’ONU e la Coalizione internazionale devono assicurare la prosecuzione della stabilità e della sicurezza di Afrin. Afrin deve essere protetta dagli attacchi esterni.

– Afrin non è una minaccia per la Turchia e non ha attaccato nessuno. Lo stato turco sta attaccando Afrin perché è contro i curdi e le acquisizioni dei curdi. Questa realtà non deve essere trascurata e gli attacchi dello stato turco devono essere impediti.

– La Russia, che è responsabile per lo spazio aereo di Afrin, non deve essere spettatrice degli attacchi della Turchia e deve impedire qualsiasi manifestazione di aggressione.

– Gli attacchi dello stato turco contro ad Afrin, nel Rojava e in Siria settentrionale nel suo complesso sono vantaggiosi per ISIS. La Coalizione Internazionale contro ISIS deve prendere precauzioni contro questo e deve impedire gli attacchi dell’esercito turco.

– Lo stato turco è una forza occupante in Siria. La comunità internazionale non deve essere spettatrice di questa situazione e l’esercito turco deve essere costretto a lasciare il suolo siriano.

ANF

da ReteKurdistan

Pubblicato da Matteo, il 19 gennaio 2018 alle 09:49

Speak Your Mind

*