[News] Dielle (Cassina de’ Pecchi): prosegue e si rafforza lo sciopero contro la schiavitù operaia!

 

10309660_227712687439878_2997474101466911549_nDopo una settimana di inutili tentativi di imbastire una trattativa con i padroni (che hanno dichiarato di potersi permettere, al massimo, 0,50€ di aumento all’ora, affermando contemporaneamente di voler ricorrere alla CIG per via di 15 esuberi), il blocco totale delle lavorazioni e del flusso delle merci, ha spinto le forze dell’ordine a intervenire e a minacciare l’uso della forza. Alla “spicciolata”, tra le 13 e le 16, sono quindi giunti 8 blindati della celere (fra polizia e carabinieri). Tutti i lavoratori e diversi militanti solidali appartenenti alle forze più disparate della zona (fra questi persino alcuni rappresentanti delle forze del centro sinistra in lizza per le elezioni del Sindaco di domani) hanno deciso di dar vita ad un sit-in davanti ai cancelli decisi a non muoversi di un millimetro.

Nonostante rapporti di forza militare complessivamente favorevoli alle forze militari dello Stato, sulla bilancia pesavano troppo le motivazioni degli operai e della loro protesta e il crescente sostegno che la lotta ha incassato durante la settimana, innanzitutto quella dei Cobas della zona (DHL e Number One). Gli operai della Dielle non hanno quindi smesso di scandire slogan e di perseguire la linea della resistenza passiva, incatenati l’uno all’altro, nemmeno quando gli 80 celerini, hanno indossato i caschi. Le trattative telefoniche dei loro dirigenti di piazza lasciavano palesemente intendere che l’attacco sarebbe stato difficile da gestire.

Dopo lunghe e convulse trattative i dirigenti della Questura propongono agli operai di lasciar passare due camion in entrata (ma da un cancello posteriore) e di farne infine uscire uno, garantendo, in cambio, che l’azienda rinuncerà al tentativo di utilizzare crumiri esterni per le lavorazioni che di solito si svolgono al sabato e alla domenica (tentativi in ogni caso finora respinti), che non ci sarà ulteriore mobilitazione della celere, e di impegnarsi per coinvolgere la prefettura per sbloccare la trattativa e costringere l’azienda a sedersi al tavolo di una trattativa “ufficiale”.

La valutazione che un camion carico di plastica contro i 25 che scandiscono, mediamente, l’attività dell’azienda non avrebbe ammortizzato neanche minimamente il danno economico subito e che questura non vedeva l’ora di sganciarsi e abbandonare il terreno di una possibile e assai scomoda battaglia, ha indotto il picchetto ad accettare la messa in scena di un cordone di celere che creava un corridoio fra il sit-in e i due camion che entravano.

Il sesto giorno di sciopero si conclude così con alcuni risultati fondamentali: lo sciopero prosegue compatto, le forze dell’ordine sono state sostanzialmente neutralizzate, la solidarietà attiva con questa vertenza si estende e crea condizioni più favorevoli per iniziare la seconda settimana di battaglia. Una battaglia che introduce il SI.Cobas nel settore della produzione diretta di plus-valore, al cuore cioè del meccanismo di accumulazione di cui si nutre il capitalismo, oggi come ieri, lasciando presagire la possibilità di una nuova fase di sviluppo del sindacato nei magazzini e forse anche di radicamento territoriale

E oggi: tutti insieme all’Ikea a sostegno della campagna di boicottaggio della multinazionale che sta tentando, con tutte le sue forze e tutti gli appoggi politici del caso, di eliminare il SI.Cobas dal deposito di Piacenza, il più importante a livello europeo

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.