S.o.s. da Gaza all’Italia – Lettera dal Centro Vittorio Arrigoni

Come abbiamo documentato dal 4 giugno una delegazione solidale è riuscita a entrare nella Striscia di Gaza devastata dai recenti bombardamenti israeliani. Riprendiamo qui un messaggio di Meri Calvelli, responsabile del Centro Italiano Di Scambio Culturale-VIK e ACS – Associazione di Cooperazione e Solidarietà in cui viene dettagliato come stanno venendo spesi i fondi finora raccolti nella raccolta di solidarietà “S.o.s. Gaza”.

“Buona sera a tutte e tutti.
Abbiamo iniziato a realizzare le prime iniziative rivolte soprattutto ai bambin@ e ragazz@, la parte più vulnerabile della popolazione di Gaza e per la quale è stato richiesto dalle famiglie e dagli educatori un immediato sostegno (qui il report di “Save the Children” sulla situazione a Gaza).

Dal 25 maggio abbiamo organizzato insieme ai teams delle scuole di Circo con le quali collaboriamo in diversi progetti rivolti bambini e giovani, attività di ristoro, di divertimento, partecipazione, giochi collettivi, musica e spettacoli circensi. Almeno 5.000 bambini hanno partecipato alle attività con la direzione del Gaza stars circus school di Beit Lahya. Sono state fatte attività nella scuola degli sfollati di Shati Camp, nella scuola di Jabalia Camp, nella piazza del campo profughi di Jabalia, presso abitazioni distrutte; a Rafah, a Beit Hannoun, e nel Parco Multifunzionale del Governatorato Nord, il Green Hopes-Gaza.

Con le prime donazioni al progetto S.O.S. GAZA del Mutuo Soccorso Milano APS, con le associazioni locali di donne abbiamo preparato una prima lista di 150 famiglie che beneficeranno di coupon per acquistare beni di prima necessità presso negozi e supermercati locali a partire da domani. Questa sarà solo una prima distribuzione.

150 bambini presenti in due scuole destinate ad accogliere le persone sfollate, riceveranno abiti di ricambio.

Stiamo inoltre preparando un Summer Camp per 1.000 bambini in diverse località:
10 aree – Governatorato Nord (Beit Lahya, Beit Hannoun, Umm al Nasser, Jabalia); Gaza City (Zeytun Shajayye); Middle Area (Deir el Balah-Nuseirat); Governatorato Sud (Khan Younis-Rafah) inizio 15 giugno. Ogni Summer Camp ha un costo stimato di 2500 euro, e sarà gestito e documentato dalle associazioni locali, tra cui il Centro VIK.

Dal 1 luglio fino alla fine dell’estate (tre mesi) sosteniamo il Campo “PISCINA nel mare per il nuoto libero”; 1000 bambini saranno seguiti da istruttori di nuoto in mare in sicurezza, e nella Piscina costruita con le macerie dei bombardamenti.

Questo è quello che per il momento stiamo realizzando con questi fondi; chiaramente ulteriori entrate ci daranno la possibilità di coprire numeri maggiori di beneficiari.

Le informazioni su come procederemo a livello logistico, le foto e i video, li potete trovare sulle pagine Fb Gaza FREEstyle, Mutuo Soccorso Milano Aps, Centro Vik e ACS.

Ci sarà molto da fare. Intanto Gaza ringrazia per la solidarietà.

Meri Calvelli”

SOSTIENI ANCHE TU IL PROGETTO CON UNA DONAZIONE:
Intestazione: “Mutuo soccorso Milano APS”
Iban: IT92F0501801600000016973398
C/O Banca Etica
Causale: “Sos Gaza”

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.