09/04 – Chiamata alle arti StopWar

9 aprile, ore 15 @ largo Cairoli.

Milano contro la guerra chiama alle arti, “pace, disarmo, futuro” !

>> La scaletta in costruzione:
*“Donna non rieducabile”, memorandum teatrale su Anna Politkovskaja – testo di Stefano Massini
*Giacomo Campiglio: chitarra e voce
*Siria: “Oh Dea Resistenza” Anno 5000 DC., reading teatrale
*Voci dalla carovana #safepassage: testimonianze da Leopoli a Milano
*SOMAMILANOMUSIC – Gianluca Tarsconi,set acustico new wave
*Naga Onlus: l’accoglienza dentro e oltre l’emergenza Ucraina
* Butter biscuits band – Rock e dintorni
* Tommaso Russi, reading
* Glamourga: musica e ballo antimilitarista
* Andrea Nani, note e parole contro la guerra
* Suso e Francesca (Audrey Anpi ) : ”Gorizia”,canto di pace.
+ Live painting durante tutto il pomeriggio
Per proporre un contributo artistico #stopwar scrivere a milanocontrolaguerra@gmail.com


Non possiamo restare indifferenti davanti a questa orrenda guerra. Non possiamo restare indifferenti davanti a ogni orrenda guerra. Per questo la Milano contro la Guerra ha deciso di restare in mobilitazione permanente, ogni sabato attraverso manifestazioni in città, ogni giorno costruendo raccolte e carovane solidali e praticando accoglienza dal basso.
Non ci stiamo, non ci stiamo a vedere la guerra e l’escalation bellica come unica prospettiva futura.
Non ci stiamo a vedere migliaia e migliaia di giovani di qualunque bandiera mandati al macello, senza che possano scegliere della propria vita.
Non ci stiamo a vedere i nostri governi aumentare al 2% del PIL la spesa per gli armamenti, mentre mancano per il welfare e per i diritti, mentre appaltano alla generosità della società civile l’onere dell’accoglienza.
Non ci stiamo a vedere la violenza delle frontiere, che si aprono solo davanti alle persone bianche e alle donne, ovviamente cisgender.
Non ci stiamo a veder scomparire migliaia di donne* e bambini in fuga dalla guerra nella tratta di esseri umani per la mancanza di controllo e coordinamento istituzionale.
Non ci stiamo a vedere devastata la Terra dall’inquinamento bellico e dall’uso indiscriminato delle risorse, giustificato e nascosto dalla guerra.
Non ci stiamo a veder triplicare gli investimenti delle banche armate.
Non ci stiamo a rimanere schiacciati in un dibattito pubblico in elmetto e divisa.
Non restiamo indifferenti e sabato 9 aprile vogliamo gridare il nostro rifiuto della guerra attraverso le arti. Milano contro la guerra invita tutt* ad un happening culturale e artistico per la Pace, per il Disarmo, per il Futuro, ci vediamo dalle 15.00 in piazza Cairoli, il programma è in costruzione!

>> CHIAMATA ALLE ARTI: FERMIAMO LA GUERRA, GIÙ LE ARMI! Per proporre un contributo artistico (musica, performances, teatro, letture, live painting, installazioni ecc….) #stopwar scrivere a milanocontrolaguerra@gmail.com

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.