Giornata di lotta per i riders

Mentre il tavolo di contrattazione aperto dal governo sulle condizioni dei riders zoppica sempre di più e mentre Glovo annuncia l’intenzione di lasciare a casa 2.000 lavoratori i riders sono scesi sul sentiero di guerra.

Questo il comunicato:

2.000 RIDERS DI FOODORA LICENZIATI DA GLOVO, BLOCCATO IL RISTORANTE “PERSONALE” DI MATTEO PICHI!

Lo avevamo detto e lo abbiamo fatto, è iniziata la #guerrilla contro i ristoranti che si macchiano di comportamenti scorretti nei confronti di noi riders!

Non abbiamo intenzione di lasciare impuniti coloro che hanno abbandonato per strada migliaia di colleghi e nemmeno i soprusi ai quali dobbiamo troppo spesso sottostare in ritiro davanti ai ristoranti tutti i giorni.

Capita che i ristoratori, soprattutto di alcune catene, ritardino le nostre consegne, o si comportino con noi come se fossimo dei droni automatizzati o dei #robot.

Invece siamo dei fattorini!

Sotto il caschetto e la divisa siamo studenti, richiedenti asilo, migranti, professionisti impoveriti, creativi, ricercatori, precari, stagisti, siamo lavoratori che vanno riconosciuti e trattati come tali. È quello che pretendiamo.

Basta #iononpossoentrare! Trattati come merce, portiamo cibo, sigarette, vestiti, farmaci nelle vostre case, svolgendo il nostro lavoro al meglio. A volte dietro ad un colpo di click clienti non si rendono conto che ci siamo noi, sfruttati dell’economia digitale, dell’economia della promessa.

Avevamo bisogno di ricordarlo a tutte/i.

E mentre tardono ad arrivare risposte da parte del governo su un tavolo di contrattazione con le parti sociali, sempre più controverso, scegliamo di attaccare Poke House e #Glovo perchè Matteo Pichi è l’emblema dell’arroganza delle piattaforme digitali che compiono le peggio nefandezze e restano impuniti.

Ma non è sempre così. Abbiamo saputo che l’amministratore delegato è in causa con un’altra catena di sushi perché sembra che gli abbia rubato l’idea (e i dati?).

Nel frattempo dopo aver sanzionato il primo ristorante e avergli letteralmente chiuso il locale ci apprestiamo alle prossime mosse, rivendicando il nostro diritto ad esistere e ad avere quello che ci spetta da sempre, reddito, tutele e garanzie.

Quello che vi abbiamo servito #Deliveroo #Ubereats #JustEat #Glovo con il #1D è stato soltanto un antipasto rispetto a quello che vi si prospettato.

Non staremo ad aspettare che questo modello di sfruttamento basato sull’intermediazione informatica si estenda a tutti lavoratori.

Intendiamo renderci artefici del nostro destino nel nostro futuro. E nessuno potrà fermarci ora che siamo coesi e uniti insieme agli altri fattorini del resto d’Europa!

#rights4riders #justice4couriers #shutdown

Deliverance Milano
Deliveroo Strike Raiders
Punto di Svolta

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *