Sgomberato Ri-Make – Appuntamento alle 18 in Via Astesani 47

Questa mattina alle 7,30 le Forze dell’Ordine hanno sgomberato Ri-Make. Appuntamento questo pomeriggio alle 18 davanti allo spazio ad Affori.

Giusto due anni fa eravamo andati a trovare gli attivisti e le attiviste di Ri-Make per una gustosa intervista piena di spunti e riflessioni interessanti. E quel giorno (come del resto tante altre volte) avevamo potuto apprezzare la quantità di progetti, energie e persone messe in circolo da questa esperienza sociale nata nel Nord di Milano quattro anni fa.

Oggi, per l’ennesima volta, ci troviamo a parlare di uno sgombero e le parole rischiano di essere amaramente simili a quelle spese per tante altre vicende simili.

L’ex-filiale della BNL era abbandonata da anni. Tanti di noi l’avevano notata nei lunghi viaggi che da Maciachini conducono al Pini su in Comasina per le partite del torneo dei centri sociali e delle comunità migranti o per qualche serata di svago.

Quattro anni fa, finalmente, la collettività di Ri-Make, reduce dall’esperienza dell’occupazione del Cinema Maestoso, apre le porte della vecchia banca e la riporta in vita riempiendola di idee e attività. Inutile fare qui la lista, rischieremmo di dimenticarcene qualcuna…

Anche il rapporto con il quartiere di Affori, a metà strada tra la multietnica Imbonati e la periferia estrema di Comasina e Bruzzano, è buono. Questo anche grazie alle tante attività mutualistiche (tipo i pranzi domenicali) messe in campo dagli occupanti.

Ma si sa, a Milano, i progetti di riqualificazione sociale al di fuori del circuito commerciale non sono destinati a durare in eterno. C’è sempre qualcuno pronto a intonare il mantra della legalità e quella parolina: “occupazione” che tanto spaventa…

Arriva la notizia dello sgombero e nonostante gli incontro a livello istituzionale e il bel presidio sotto Palazzo Marino si arriva alla giornata di oggi.

La Polizia si presenta molto presto, sposta occupanti e solidali dall’ingresso, tenta di forzare il portone con scarsi risultati. A quel punto intervengono i Vigili del Fuoco, che non particolarmente entusiasti del lavoro che si accingono a compiere, con le scale entrano dalle finestre e sbloccano le porte dall’interno.

Rimane l’amarezza e lo sconforto per una metropoli assolutamente incapace di valorizzare le esperienze dal basso. La risposta è sempre la stessa: “Bandi…legalità…occupazione”. Ormai da anni. Il 22 Maggio cadeva il quinto anniversario dello sgombero di ZAM in Via Olgiati. Un’esperienza che, per molti tratti, nelle fasi della campagna contro lo sgombero, ricorda quella di Ri-Make. Raccolta firme, presidi, cortei, incontri…e…tutto inutile! A 5 anni dallo sgombero lo stabile di Via Olgiati rimane abbandonato. Vedremo che ne sarà della struttura di Via Astesani 47.

Oggi però, non è finita. Appuntamento alle 18 davanti a Ri-Make sgomberato per portare tutta la solidarietà possibile.

La Digos strattone gli occupanti seduti a terra in resistenza passiva portandoli via per cercare di raggiungere l'ingresso dello spazio sociale.Ri-Make#DifendiAMORimake

Gepostet von Milano InMovimento am Dienstag, 29. Mai 2018

Intervista a una compagna di Ri-Make che racconta la dinamica dello sgombero e le tante attività dello spazio appena sgomberato.Ri-Make#DifendiAMORimake

Gepostet von Milano InMovimento am Dienstag, 29. Mai 2018

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *