[DallaRete] Disposizioni urgenti per l’accelerazione dei procedimenti in materia di protezione internazionale, nonchè per il contrasto dell’immigrazione illegale

Decreto Legge n.13 del 17 febbraio 2017 (decreto Minniti-Orlando)

Disposizioni urgenti per l’accelerazione dei procedimenti in materia di protezione internazionale, nonchè per il contrasto dell’immigrazione illegale.

Video formazione a cura dell’Avv. Paolo Cognini, Docente in Diritto dell’Immigrazione.

In questo video l’avvocato Paolo Cognini analizza le modifiche introdotte dal Decreto-Legge n. 13 del 17 febbraio 2017 alla normativa per la protezione internazionale.

L’analisi parte dalla illegittimità del ricorso alla decretazione di urgenza: considerando infatti che le modifiche introdotte investono la tutela dei diritti fondamentali per l’individuo, le norme avrebbero avuto la necessità di seguire un iter diverso.
Sostanzialmente le modifiche introdotte dal decreto attendono l’operato della Commissione territoriale, le procedure per il ricorso avverso il diniego da parte della Commissione territoriale e le norme inerenti al trattenimento del richiedente.

L’introduzione della videoregistrazione del colloquio, tradotta in italiano con un sistema di riconoscimento vocale, le procedure di notifica tramite PEC, le sezioni specializzate di alcuni tribunali, hanno senza dubbio la finalità di rendere più complicato l’esercizio del diritto alla difesa.
Tale diritto è ulteriormente eroso dall’eliminazione del secondo grado di giudizio e dalla modifica di alcuni aspetti legati alla sospensiva.

Di fatto l’intero provvedimento mette in campo tutte le disposizioni e meccanismi possibili atti ad indebolire l’esercizio del diritto di difesa.
Di estrema gravità sono le norme che riguardano il patrocinio a spese dello stato ed il trattenimento dei migranti dei nuovi centri di permanenza per i rimpatri.

- Vai alla rubrica “Osservatorio Commissioni Territoriali”

Da Meltingpot.org

http://www.meltingpot.org/Disposizioni-urgenti-per-l-accelerazione-dei-procedimenti.html#.WLkhE281_IU

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.